Razzismo, nessuna vergogna di essere bianchi

Abstract:  razzismo, nessuna vergogna di essere bianchi perchè dai continenti non popolati da bianchi è arrivata nessuna grande invenzione, se ne citi  una. Quali grandi scuole filosofiche o discipline scientifiche sono derivate da quei continenti? se ne citi solo una. Quali grandi scoperte scientifiche, quali innovazioni tecnologiche sono emerse dall’Africa? uali progressi medici sono arrivati da  Africa e Asia? Quindi, alla luce di tutto ciò, ci sono tutte le ragioni per cui una persona bianca non dovrebbe provare alcuna vergogna, come sostiene il lavaggio del cervello della CRT. Ci sono anche tutte le ragioni per opporsi al tentativo dei Democratici di importare povertà, arretratezza, corruzione, elezioni fraudolente e dittature, che sono i valori dell’Africa,  attraverso un massiccio flusso di immigrati 

Continua a leggere

Il nuovo ruolo della Chiesa nella società

Studi Cattolici n. 753 novembre 2023

Colloquio con don Gian Maria Comoll

Giuseppe Brienza 

Nel suo intervento alla terza edizione degli Stati Generali della natalità, che si sono tenuti a Roma l’11 e 12 maggio 2023, Papa Francesco ha ricordato l’importanza dell’impegno politico dei cattolici soprattutto durante i periodi di crisi come quello che stiamo attraversando. «Dalla crisi – ha detto il Santo Padre dal palco dell’Auditorium della Conciliazionenon si esce da soli, o usciamo tutti o non usciamo; e dalla crisi non si esce uguali: usciremo migliori o peggiori. Ricordiamo questo. Questa è la crisi di oggi. Difficoltà a trovare un lavoro stabile, difficoltà a mantenerlo, case dal costo proibitivo, affitti alle stelle e salari insufficienti, sono problemi reali. Sono problemi che interpellano la politica, perché è sotto gli occhi di tutti che il mercato libero, senza gli indispensabili correttivi, diventa selvaggio e produce situazioni e disuguaglianze sempre più gravi».

Continua a leggere

Perché la Cina punta sul Medio Oriente

Inside Over  – DOSSIER – Agosto 2023

Il nuovo Medio Oriente  

Il Medio Oriente sta cambiando pelle. Dal lungo addio degli Stati Uniti, passando per il nuovo ruolo delle potenze regionali: Arabia Saudita e Iran in testa, tutta l’area è in fermento. Gli accordi di Abramo restano in bilico, e intanto alcuni focolai di tensione non accennano a diminuire. E sullo sfondo compare la Cina e il nuovo ruolo che è pronta a ricoprire

______________________________________

Continua a leggere

Siria, riprende il dialogo

Inside Over  – DOSSIER – Agosto 2023

Il nuovo Medio Oriente

 Il Medio Oriente sta cambiando pelle. Dal lungo addio degli Stati Uniti, passando per il nuovo ruolo delle potenze regionali: Arabia Saudita e Iran in testa, tutta l’area è in fermento. Gli accordi di Abramo restano in bilico, e intanto alcuni focolai di tensione non accennano a diminuire. E sullo sfondo compare la Cina e il nuovo ruolo che è pronta a ricoprire

______________________________________

Continua a leggere

Accordi di Abramo tra Israele e Arabia, quale futuro?

Inside Over  – DOSSIER – Agosto 2023

Il nuovo Medio Oriente  

Il Medio Oriente sta cambiando pelle. Dal lungo addio degli Stati Uniti, passando per il nuovo ruolo delle potenze regionali: Arabia Saudita e Iran in testa, tutta l’area è in fermento. Gli accordi di Abramo restano in bilico, e intanto alcuni focolai di tensione non accennano a diminuire. E sullo sfondo compare la Cina e il nuovo ruolo che è pronta a ricoprire

______________________________________

Continua a leggere

Come è cambiata la politica Usa in Medio Oriente

Inside Over  – DOSSIER – Agosto 2023

Il nuovo Medio Oriente  

Il Medio Oriente sta cambiando pelle. Dal lungo addio degli Stati Uniti, passando per il nuovo ruolo delle potenze regionali: Arabia Saudita e Iran in testa, tutta l’area è in fermento. Gli accordi di Abramo restano in bilico, e intanto alcuni focolai di tensione non accennano a diminuire. E sullo sfondo compare la Cina e il nuovo ruolo che è pronta a ricoprire

______________________________________

Continua a leggere

La guerra in Yemen, ultimi focolai di crisi in Medio oriente

Inside Over  – DOSSIER – Agosto 2023

Il nuovo Medio Oriente

Il Medio Oriente sta cambiando pelle. Dal lungo addio degli Stati Uniti, passando per il nuovo ruolo delle potenze regionali: Arabia Saudita e Iran in testa, tutta l’area è in fermento. Gli accordi di Abramo restano in bilico, e intanto alcuni focolai di tensione non accennano a diminuire. E sullo sfondo compare la Cina e il nuovo ruolo che è pronta a ricoprire

______________________________________

Continua a leggere

Riconoscimento facciale, una minaccia alla nostra privacy

Abstract: riconoscimento facciale, una minaccia alla nostra privacy Clearwiew Ai scansiona i volti e raccoglie online ogni dato personale. Una nuova tecnologia dai risvolti inquietanti. Parla Kashmir Hill, giornalista del New York Times autrice di un’inchiesta sull’argomento che rivela come questa tecnologia sia già in uso non solo presso agenzie governative e forze di polizia ma aziende imitatrici offrono tecnologie simili anche ai privati. Perfino le Big Tech  hanno ritenuto questa tecnologia troppo radicale per essere diffusa

Continua a leggere

Russel Kirk e la rivoluzione conservatrice

Abstract: Russel Kirk e la rivoluzione conservatrice. Un libro, The Conservative mind, compie 70 anni, ed è un evento. L’autore, statunitense, lo pubblicò 35enne nel 1953, frutto della tesi di dottorato nell’Università di St. Andrews in Scozia negli anni in cui l’Inghilterra frequentava T.S. Elliot. Il poeta anglo-americano incarnava per lui l’ultima testimonianza, e forse persino la figura più emblematica, di una visione del mondo fondata sulla tradizione classica e giudeo-cristiana in antitesi al progetto illuministico. Nel tempo questa sfida avvia visto moltiplicarsi gli Alfieri, ma 70 anni fa Kirk fu uno dei primi a lanciarla, e il suo stile resta esemplare.

Continua a leggere

Il Governo mette un freno alla cancel culture

Abstract: il Governo mette un freno alla cancel culture. Tra le tante modifiche   al decreto legislativo che regola i servizi audio-visivi, spunta una norma contro la cancellazione della nostra identità. Per il ministro  Gennaro Sangiuliano la cancel culture è una «barbarie da combattere». Un passo importante che mette la nostra cultura al riparo da ogni tentativo di sbianchettamento che mette in qualche modo in sicurezza il nostro sterminato patrimonio culturale. Una garanzia contro la preoccupante oicofobia che sta contagiando la nostra società.

Continua a leggere