Perché la mafia nigeriana prospera in Italia

dal blog di Nicola Porro 7 Agosto 2020

di Lorenza Formicola

 Le due maxi operazioni di queste settimane della Polizia di Stato tra Marche, Abruzzo e Sicilia sono l’ennesima prova che questo Paese ha un problema serissimo con la mafia nigeriana.

Continue reading

Ti raccontiamo un fatto vero che dimostra come ogni Messa ha un valore infinito

Il Cammino dei Tre Sentieri 26 Luglio 2020

Ogni Messa, indipendentemente dove è detta e indipendentemente dalla santità del sacerdote, ha sempre un valore infinito. Vi spieghiamo perché.

Continue reading

Ragazzi trans: leggi favorevoli, ma si moltiplicano le cause in tribunale

International Family News

2 Agosto, 2020

 Il quadro resta però devastante e la complicità di certi medici sciocca

di Simone Fausti

Continue reading

Le grandi leggi psicologiche (di P. A. Eymieu sj)

animalfarm

(da Totus Tuus)

«Se si considera l’uomo in sé stesso, se lo si isola da tutte queste macchine ingegnose e potenti, lo si ritrova altrettanto debole, inquieto, agitato, roso da desideri insoddisfatti: le sue miserie, i suoi tormenti, i suoi timori, le sue aspirazioni, le sue disillusioni ed i suoi avvilimenti, son rimasti gli stessi»

«Il potere di governar sé stessi è una forza vitale creatrice, non un letale strozzamento della libera esplicazione delle vitali energie»

«La nostra civiltà nostra, prevalentemente rivolta a soggiogare la natura esterna, ha perso la cura della personalità: il «governo della materia» ci ha fatto dimenticare il «governo di noi stessi».

Per i direttori di spirito: il testo ha valore e solidità assai maggiore di quelli proposti oggi nei seminari.

Il passato «occulto» di Lenin

Lidenbrok 29 Luglio 2020 d

di Mario Arturo Iannaccone·

Lenin era stato inserito in una rete internazionale di solidarietà rivoluzionaria le cui radici sono ancora oggetto di dibattito e contesa fra gli storici. Ma alcuni punti sono fermi.

Continue reading

Guerra di secessione: i veri razzisti stavano al Nord

Ricognizioni 27 Luglio 2020

di Massimo Magliaro

Tempo di covid, tempo di truffe. Di truffe e di bugie. Una di queste viene propalata sotto il marchio Antifa dei Black Lives Matter cioè dei razzisti antibianchi che dagli Usa si stanno allargando verso il resto dell’Occidente. Questi truffatori a libro paga dell’Open Society Foundations del signor Soros raccontano che i Confederati, cioè i sudisti, sarebbero stati i razzisti cattivi in rivolta contro i nordisti buoni perché costoro volevano abolire la schiavitù. Vero? Falso!

Continue reading

La versione di Candance Owens: la stella nascente dei conservatori Usa di cui ai media mainstream non piace parlare

Atlantico 23 Luglio 2020

di Romana Mercadante di Altamura

Dopo i fatti di Black Lives Matter, può una persona di colore, negli Stati Uniti, essere ancora repubblicana, conservatrice, oggi? “Loro”, gli altri, the others, vorrebbero di no, ma per fortuna, un po’ in tutto il mondo ci sono ancora giornalisti, opinionisti, politici e intellettuali sull’altra sponda della rive gauche che non si lasciano zittire e intimidire dalla propaganda basata sulla strumentalizzazione del colore della pelle e dalla violenza che è stata sotto gli occhi di tutti e stenta ancora a spegnersi.

Continue reading

La vittima, l’eroe del nostro tempo

Ricognizioni 22 Luglio 2020

di Roberto Pecchioli

“La vittima è l’eroe del nostro tempo. Essere vittime dà prestigio, impone ascolto, promette e promuove riconoscimento, attiva un potente generatore di identità, diritto, autostima. Immunizza da ogni critica, garantisce innocenza al di là di ogni ragionevole dubbio. Come potrebbe la vittima essere colpevole, e anzi responsabile di qualcosa? Non ha fatto, le è stato fatto. Non agisce, patisce. Nella vittima si articolano mancanza e rivendicazione, debolezza e pretesa, desiderio di avere e desiderio di essere. Non siamo ciò che facciamo, ma ciò che abbiamo subito, ciò che possiamo perdere, ciò che ci hanno tolto”.

Continue reading

Comunione in mano, attacco dei protestanti al sacerdozio

La Nuova Bussola quotidiana 27 Luglio 2020  

L’uso di comunicarsi sulla mano, “neutro” nell’età patristica, fu ripreso dai riformatori protestanti con una chiara connotazione dottrinale. Secondo Martino Bucero, promotore della riforma anglicana, la pratica di non dare la Comunione sulla mano si doveva a due “superstizioni”: il “falso onore” che si pretende attribuire a questo Sacramento e la “perversa credenza” che le mani dei ministri, a causa dell’unzione ricevuta nell’ordinazione, siano più sante delle mani dei laici. A partire da questo momento, il gesto di ricevere la Comunione sulla mano ha un senso marcatamente polemico per attaccare la Presenza reale e il sacerdozio.

di Nicola Bux

Continue reading