Hitler zoofilo

Hitler_canePubblicato su Il Sabato del 6 luglio 1991

Il Führer non era affatto un sognatore romantico. Era un figlio dell’Ottocento positivista che credeva ciecamente nelle ragioni del progresso e della scienza

di Franco Cardini

  Continue reading

Perché gli ambientalisti non protestano per i pesticidi

pesticidiArticolo pubblicato su Tempi numero 36

5 settembre 2002

Clamoroso voltafaccia ai negoziati di Johannesburg.

di Rodolfo Casadei

Continue reading

Nasce vecchia «La Nuova Ecologia»

nuova ecologiaArticolo pubblicato da Il Secolo d’Italia

del 17 novembre 1995

… Il meccanicismo illuminista proprio dal punto di vista scientifico ha rivelato molti limiti; Bateson, Capra, e, più in generale, gli scienziati di fisica atomica hanno seriamente messo in crisi tale approccio scientifico che, applicato alla realtà, ha comportato disastrosi impatti con l’ambiente e il territorio. Eppure, nonostante tutto,  i progressisti ritengono che la difesa dell’ambiente sia “roba loro”. E’ quanto si evince dal mensile di Lega Ambiente “La Nuova Ecologia”…

di Cesare Patrone

Continue reading

L’ideologia del Wwf

wwfRubrica Vivaio su Avvenire del 12 agosto 1990 (titolo redazionale)

Non si creda che il Fondo Mondiale per la Natura (le cui iniziali in inglese sono appunto Wwf) sia qualcosa “di sinistra”. Come tutti sanno, questa – che è la più potente e ricca organizzazione ambientalista del mondo – è stata fondata da Filippo, duca di Edimburgo, marito della regina d’Inghilterra e dal principe Bernardo d’Olanda. Nella sua direzione internazionale siedono alcuni tra i maggiori petrolieri, industriali, finanzieri del pianeta.

Di Vittorio Messori

Continue reading

Il conformismo alimenta gli eccessi

ecologiaArticolo pubblicato su Il Sole 24 ore del 13 marzo 1990

Per proseguire un impegno serio sui temi importanti dell’ecologia è però necessario affrontare, a viso aperto, l’ecologismo come ideologia. In questo ci è di grande aiuto un editoriale de “La Civiltà cattolica” dal titolo “Ecologia e cristianesimo, convergenze e divergenze” (3 febbraio 1990).

Continue reading

Arriva l’eco decalogo

carta della terraArticolo pubblicato su Avvenire il 2 febbraio 1999

Accade che il radicalismo di certe associazioni animaliste sfoci in forme di intolleranza contro gli esseri umani. Questo strano modo di intendere il rapporto tra l’uomo e la natura, considerato finora poco più di una moda, sta influenzando anche settori importanti delle Nazioni Unite.

di Antonio Gasparri

Continue reading

Ecosocialismo

ecosocialismoarticolo pubblicato su www.ragionpolitica.it

il 29 gennaio 2004

L’ecosocialismo è una minaccia per la libertà nel mondo: questo il pensiero di Fred L. Smith, presidente del Competitive Enterprise Institute. In un saggio originariamente presentato ad un meeting della Mount Pelerin Society, Smith illustra la sua tesi

di Rita Bettaglio

Continue reading

Il pensiero “al verde ” gioca con la teologia

GaiaArticolo pubblicato su Avvenire il 5 maggio 1999

La nozione romantica o pseudo mistica della natura non riflette la realtà. Noi siamo molto diversi dal resto della natura, perché siamo nello stesso tempo dentro e fuori della trama delle sue forze fisiche. Senza una corretta comprensione della “unicità” del nostro posto nel creato, l’ecologismo religioso rischia di cadere in un panteismo insoddisfacente perché basato su una percezione sbagliata della verità e del valore sia dell’uomo  sia della natura.

Paolo Janni

Continue reading

«La tentazione Verde della Chiesa che ha (solo) sfiorato il Papa»

GPIIArticolo pubblicato su Il Foglio
del 17 novembre 2000, n.292

É vero (…) che questo Pontefice ha mostrato sempre una grande sensibilità ai temi della difesa ambientale ed è altrettanto vero che c’è stato un periodo del suo pontificato (gli anni immediatamente seguenti l’attentato) in cui questi temi tornavano frequentemente nei suoi discorsi.

Continue reading

"Il creato torni a essere giardino"

campagnaArticolo pubblicato su Avvenire

del 18 gennaio 2001

Il Papa: convertiamoci a un’ecologia che renda dignitosa la vita di tutti

1. Nell’inno di lode, or ora proclamato (Sal 148,1-5), il Salmista convoca, chiamandole per nome, tutte le creature. In alto si affacciano angeli, sole, luna, stelle e cieli; sulla terra si muovono ventidue creature, tante quante sono le lettere dell’alfabeto ebraico, a indicare pienezza e totalità. Il fedele è come “il pastore dell’essere”, cioè colui che conduce a Dio tutti gli esseri, invitandoli a intonare un “alleluia” di lode. Il Salmo ci introduce come in un tempio cosmico che ha per abside i cieli e per navate le regioni del mondo e al cui interno canta a Dio il coro delle creature. Questa visione potrebbe essere, per un verso, la rappresentazione di un paradiso perduto e, per un altro, quella del paradiso promesso.

Continue reading