Category: Rivoluzione e controrivoluzione

Gramsci e la via italiana al comunismo

Storia Libera n.2 anno 2015  di Giovanni Formicola Abstract A differenza degli altri partiti – che si candidavano al governo dello Stato tentando di conseguire la maggioranza elettorale – il Partito Comunista Italiano si è proposto, sin dagli inizi, come parte di un più vasto movimento rivoluzionario internazionale con una finalità che potrebbe addirittura dirsi …

Continue reading

Gender: rivoluzione o involuzione?

Relazione magistrale del prof. Massimo Gandolfini all’iniziativa Cattedrale Aperta che si è svolta mercoledì 21 gennaio 2015 a Genova alla presenza del Cardinale Bagnasco e altre autorità (pubblicato su: http://www.chiesadigenova.it/)  

Continue reading

Il dovere cristiano della militanza contro-rivoluzionaria

Tratto dal sito http://www.atfp.it/ Trascriviamo un discorso basato su testi del prof. Plinio Corrêa de Oliveira, e letto a nome suo nel corso della “XXXI Reunión de Amigos de la Ciudad Católica”, tenutasi a Madrid nel dicembre 1992 di Julio Loredo

Continue reading

Rivoluzione e controrivoluzione (di Plinio Corrêa de Oliveira)

(da http://www.pliniocorreadeoliveira.it/) In conseguenza dell’agnosticismo religioso degli Stati, risulta quasi morto o pressoché perduto nella società moderna il senso della Chiesa. Ora, quale nemico ha vibrato contro la Sposa di Cristo questo terribile colpo? Qual’è la causa comune a questo e a tanti altri mali concomitanti e affini? Quale nome dargli? Con quali mezzi agisce? Qual’è …

Continue reading

I doveri dello Stato e il significato della rivoluzione

Osservatorio Internazionale Cardinale Van Thuân Newsletter n.552 – 25 novembre 2014 di Fabio Trevisan Nel richiamare lo Stato ai suoi inderogabili compiti, il pensatore cattolico svizzero Gonzague de Reynold (1880-1970) definiva, nel 1938, l’alta missione di conservare e incrementare il bene comune: “Lo Stato è una necessità sociale, un’esigenza del bene comune…Lo Stato non si …

Continue reading

Pio IX la Chiesa e la rivoluzione (di Pietro Balan)

(da Totustuus network) «Incominciando a scrivere di Pio IX, della società e della rivoluzione in questi ultimi anni non mi nascondo la difficoltà e la delicatezza della impresa, Scrivere dei fatti contemporanei fu sempre arduo» (…) «Io però mi sono proposto, non di evitare gli scogli che incontrerò certamente nel mio cammino; ma di non …

Continue reading

Saggio sul cattolicesimo, il liberalismo e il socialismo (di Juan Donoso Cortés)

(da Totustuus network) “La rivoluzione rovescia le antiche istituzioni, le scalza quali assurde e perturbatrici, ne sostituisce loro delle altre di propria invenzione, e sostituendole afferma che queste ultime costituiscono un ordine eccellente. È questo il senso della frase consacrata fra i rivoluzionari di tutti i tempi, allorché chiamano la perturbazione che essi santificano un …

Continue reading

Il mito del mondo nuovo (di Eric Voegelin)

(da Totustuus network) Cosa troviamo all’origine del perenne odio verso la Chiesa Cattolica? Quali sono le caratteristiche comuni a tutte le eresie? Sia che esse abbiano i tratti del panteismo o quelli del dualismo, si può rilevare che in ciascuna di esse la realtà viene rifiutata e la fuga dal mondo assume la forma di un tentativo di rendere …

Continue reading

Trasbordo ideologico inavvertito e dialogo (di Plinio Corrêa de Oliveira)

(…)  Da molto tempo suonavano falsi al nostro orecchio i molteplici usi che in certi ambienti vengono fatti della parola “dialogo”. Intorno all’asse fermo di un significato residuale legittimo, notavamo che quella parola era manipolata, nel linguaggio quotidiano di questi ambienti e in certi commenti della stampa, in modo così forzato e artificioso, con audacie …

Continue reading

1914-1918 la fine di un mondo (dossier)

Tradizione Famiglia proprietà n.61 Giugno 2014  Il 28 luglio 1914, l’impero austro-ungarico dichiarava guerra alla Serbia in seguito all’assassinio dell’erede al trono. L’arciduca Francesco Ferdinando. Il gioco delle alleanze trascinò nel conflitto quasi tutte le nazioni europee, gli Stati Uniti d’America e il Giappone. La lotta armata infurierà per ben quattro anni, lasciando sul campo …

Continue reading