Tag: Stati Uniti

Ecco come i “marxisti culturali” stanno cercando di sovvertire l’America (e la civiltà occidentale) dall’interno

Atlantico 16 Settembre 2020 Scuola di Francoforte e strategia gramsciana dell’egemonia culturale. Scuole, università, media, arti, chiese, multinazionali: tutte le casematte della cultura occupate per trasformare la coscienza della società e minare le istituzioni democratiche. Gli Stati Uniti possono aver sconfitto l’impero del male di reaganiana memoria, ma non sono ancora riusciti a sconfiggere “l’idea”, …

Continue reading

La carriera politica di Mao, Yale e il “riorientamento del pensiero” (2020)

PsyPolitics A blog about the psy disciplines and politics 24 Giugno 2020   di Federico Soldani Su Yale Daily News (29 Febbraio 1972), il più antico giornale di college fondato nel 1878 a Yale, una delle prime università americane (1701), in prima pagina nell’articolo centrale in alto campeggia una foto di Mao, il leader cinese …

Continue reading

Perché Black lives matter sbaglia e promuoverà una rivoluzione per distruggere l’America

Tradition, Family and Property 11 Agosto 2020   di John Horvat II Una rivoluzione imperversa in America. Se un’immagine potesse caratterizzare questa rivoluzione, essa potrebbe essere la scena recente del rogo della bandiera americana e della Bibbia in una delle rivolte notturne di Portland. Il rogo è una chiara provocazione, intesa a offendere e indignare.

Continue reading

Guerra di secessione: i veri razzisti stavano al Nord

Ricognizioni 27 Luglio 2020 di Massimo Magliaro Tempo di covid, tempo di truffe. Di truffe e di bugie. Una di queste viene propalata sotto il marchio Antifa dei Black Lives Matter cioè dei razzisti antibianchi che dagli Usa si stanno allargando verso il resto dell’Occidente. Questi truffatori a libro paga dell’Open Society Foundations del signor …

Continue reading

La versione di Candance Owens: la stella nascente dei conservatori Usa di cui ai media mainstream non piace parlare

Atlantico 23 Luglio 2020 di Romana Mercadante di Altamura Dopo i fatti di Black Lives Matter, può una persona di colore, negli Stati Uniti, essere ancora repubblicana, conservatrice, oggi? “Loro”, gli altri, the others, vorrebbero di no, ma per fortuna, un po’ in tutto il mondo ci sono ancora giornalisti, opinionisti, politici e intellettuali sull’altra …

Continue reading

I Sudisti erano i buoni. E vi spieghiamo perché

Ricognizioni 16 Luglio 2020 Antonio de Felip In seguito ai violenti disordini promossi negli USA dagli antifà e dai Black Lives Matter sono ripresi gli abbattimenti dei monumenti ai Confederati, già iniziati qualche anno fa come manifestazione di odio nei confronti dei bianchi e dei molti abitanti del Sud che ancora si riconoscono nei valori …

Continue reading

USA: una Rivoluzione da manuale di Julio Loredo

da Fatima Oggi 19 Giugno 2020 di Julio Loredo  Quello che sta succedendo negli Stati Uniti è una Rivoluzione da manuale. Pur diverse nella loro concretezza storica, le rivoluzioni hanno sempre alcuni elementi in comune.

Continue reading

Usa: quando i Democratici difendevano la schiavitù

La Nuova Bussola quotidiana 19 Giugno 2020 Sudisti, secessionisti, schiavisti: questa era la base del Partito Democratico nell’Ottocento, quando difendeva gli interessi dei proprietari terrieri del Sud. La difesa o quantomeno la tolleranza della schiavitù dei neri fu un peccato comune a tutti i primi presidenti degli Usa. Solo il nuovo Partito Repubblicano, con Lincoln, …

Continue reading

Clarence Thomas “A parole sue”. A margine di un recente documentario sul giudice della Corte suprema Usa

Centro studi Rosario Livatino1 Giugno 2020 Nel momento in cui le strade di Minneapolis, e dopo di essa di numerose città degli States, da New York ad Atlanta, da Philadelphia a Los Angeles, da Phoenix a Denver, sono devastate da scontri fra manifestanti e forze di polizia, da danneggiamenti e incendi, originate dall’uccisione di George …

Continue reading

Il Piano Marshall, ovvero Il Cavallo di Troia

Il Nuovo Arengario 23 Marzo 2020   di Piero Nicola Il Piano Marshall resta nella mente, di chi ne abbia un’idea per età veneranda o per istruzione ricevuta, come un beneficio largito dall’America, che dopo la guerra avrebbe risollevato, in particolare noi italiani, dalla miseria e dal bisogno di ricostruzione.

Continue reading