“Viviamo in un totalitarismo morbido. Una nuova chiesa laica impone il suo credo”

Newsletter di Giulio Meotti 11 settembre 2021

L’intervista a Rod Dreher e le dimissioni del filosofo Boghossian: “I bambini da quando aprono i cereali leggono di dover scegliere il gender”. Google impone la linea: “L’uomo bianco è malvagio”

di Giulio Meotti

Il programma di Google per i dipendenti sulla gerarchia delle vittime e dei carnefici

Google ha imposto ai dipendenti “corsi di formazione antirazzista” che dicono al personale che gli americani bianchi di appena tre mesi sono già razzisti in un “sistema di supremazia bianca”, racconta il New York Post.

Intanto, il filosofo Peter Boghossian – il nome deriva dai suoi nonni paterni, emigrati dall’Armenia negli Stati Uniti – si è dimesso (sotto la sua lettera) dalla Portland State University in Oregon, come racconta al Times. “Non vedono più l’università come un simposio, come un luogo in cui le persone vengono per una dialettica e una conversazione, ma come una specie di chiesa e hanno le risposte giuste alle domande morali. E chi non è d’accordo è un eretico che deve essere messo a tacere”.

Sono due aspetti del nuovo “totalitarismo morbido” di cui parla il giornalista e saggista americano Rod Dreher, autore dell’Opzione Benedetto e del nuovo libro Live not by lies (tradotto in più lingue e in uscita in italiano per Giubilei Regnani), in una intervista apparsa sul National Catholic Register del 7 settembre e che riproduco qui sotto.

* * *

Quali prove ha visto di questa crescente tirannia che l’ha spinta a scrivere il libro?

Nel 2015, credo, ho ricevuto una telefonata da un importante medico cattolico negli Stati Uniti. Avevamo un amico in comune e mi ha detto: “Ascolta, devo dire a qualcuno questo. Mia madre è abbastanza vecchia, vive con me e mia moglie, è nata in Cecoslovacchia e ha passato quattro anni in un campo di prigionia. … Ora che è molto vecchia, ha detto a me e a mia moglie che le cose che vede accadere oggi in America le ricordano come era in Cecoslovacchia quando il comunismo andò al potere”.

Così, quando viaggio ad una conferenza, e incontro qualcuno che è cresciuto nel blocco sovietico e che è venuto in America per sfuggire al comunismo, vorrei solo chiedere loro, “Le cose che stai vedendo accadere in America ora con la cancellazione della cultura, cose del genere, ti ricordano quello che hai lasciato?” Ognuno di loro diceva di sì, enfaticamente sì.

Se parlavi con loro abbastanza a lungo, esprimevano una profonda rabbia per il fatto che gli americani non li prendono sul serio. Così, mi sono reso conto di avere un libro qui e questo è ciò che lo ha spinto. Gli avvertimenti specifici di queste persone, questi emigranti, la coerenza di ciò che avevano da dire e la profondità della rabbia per il fatto che nessuno li ascoltava.

Con chi ha parlato per il libro e come li ha trovati?

padre Tomislav Kolakovic

Ho dedicato il libro alla memoria di padre Tomislav Kolakovic, di cui non avevo mai sentito parlare prima di andare a Bratislava, e sono rimasto così stupito dalla sua storia. Quando fuggì in Slovacchia nel ’43, disse ai suoi studenti: “La buona notizia è che i tedeschi perderanno questa guerra; la cattiva notizia è che i sovietici governeranno questo paese quando sarà finita.

La prima cosa che faranno è inseguire la Chiesa, dobbiamo essere pronti”. Lo sapeva, e poteva dire immediatamente che il cattolicesimo slovacco, molto clericale e passivo, non sarebbe stato all’altezza di ciò che stava arrivando. Così iniziò a preparare i suoi studenti. Riuniva questi gruppi di studenti per lo più per la preghiera, e per un’intensa discussione e analisi di ciò che stava accadendo, e loro avrebbero [poi] deciso.

Nel giro di due anni, una rete di questi gruppi si era diffusa in tutta la Slovacchia, e avevano alcuni sacerdoti che andavano con loro. Divennero la spina dorsale della Chiesa clandestina. Così ho capito che ora siamo in un ‘momento Kolakovic’ in Occidente. Dobbiamo approfittare della libertà che abbiamo ora per prepararci.

E creare reti?

Sì, preparare noi stessi e le nostre famiglie. Ora è il momento, è urgente. Nella teoria politica tradizionale, il totalitarismo implica uno stato onnipotente che si infiltra in ogni aspetto della vita, e non è quello che sta succedendo qui. Negli Stati Uniti almeno, la “wokeness” (risveglio) ha conquistato, è stata l’ideologia succeduta al liberalismo, e ha conquistato ogni grande istituzione della vita americana, le corporazioni più significativamente.

L’autrice russa Elena Gorokhova una volta disse del comunismo sovietico: “Ci mentono, noi sappiamo che mentono, loro sanno che noi mentiamo, loro sanno che noi sappiamo che mentono, ma continuano a mentire comunque e noi continuiamo a fingere di credergli”. Pensi che stiamo arrivando a quel punto in cui le bugie nella vita quotidiana, nella cultura in generale, stanno diventando così prevalenti che la gente non sa più cosa sia vero?

Sì, è un sistema di bugie e dipende dal fatto che tutti riconoscano la bugia, sia per paura che per reale convinzione. Da qui nasce il titolo del libro. Poco prima di essere espulso dai sovietici nel ’74, l’ultima comunicazione di Solzhenitsyn ai suoi seguaci si chiamava “Non vivere di bugie”.

Vaclav Havel disse qualcosa di simile tre anni dopo nel suo famoso saggio “Il potere dei senza potere”, in cui parlava dell’importanza di vivere nella verità. Ma Havel e Solzhenitsyn videro che l’essenza del sistema era una bugia o una serie di bugie, e l’unico modo per sconfiggerlo [era] se un numero sufficiente di persone diceva: “Non crederò alla bugia. Non vivrò come se queste bugie fossero vere”.

Allora si avrebbe una possibilità. Questo è ciò che hanno incoraggiato i loro seguaci a fare. Noi dobbiamo fare la stessa cosa, ma ci costerà e ci costerà molto. Questo è il fatto che molti di noi non sono preparati a pagare quel prezzo.

Come si può convincere la gente a resistere?

Questa è una dittatura, non è orwelliana nel senso che non dipende dall’inflizione di dolore e terrore per costringere le persone a conformarsi. È più un totalitarismo alla Aldous Huxley.

Perché dice questo?

Viviamo in un totalitarismo morbido che non vuole che nessuno sia infelice. Così ci sono persone che sono costrette a stare zitte sotto pena di perdere il loro lavoro, perché le loro opinioni potrebbero far sentire gli altri gruppi insicuri. Quindi dobbiamo prepararci a lottare e ad essere privati e a perdere lo status, a perdere il lavoro, a perdere la libertà. Se non siamo preparati ad arrivare a tanto, non riusciremo a superare quello che sta arrivando. Questo è il messaggio costante dei dissidenti.

Direbbe che è legato principalmente a una crisi della ragione, che a sua volta è in definitiva dovuta a una crisi del cristianesimo?

Sì, penso che lei abbia capito. La gente deve capire che quando abbiamo a che fare con la “”, non abbiamo a che fare principalmente con un fenomeno politico, ma con il fenomeno religioso che si manifesta attraverso la politica. Proprio come i totalitarismi del XX secolo, il nazismo e il comunismo, erano politiche, pseudo religioni che si muovevano per riempire un buco nell’anima di quelle persone, ecco cos’è la wokeness.

Non è un caso che almeno negli Stati Uniti sia più potente tra le generazioni meno religiose della storia americana, i Millennials e la Gen-Z (le persone nate tra il ’95 e il 2010, ndr). Stanno cercando quello che cercano tutti coloro che sono suscettibili al totalitarismo: un senso di significato, di scopo e di solidarietà.

Come pensi che questo totalitarismo possa svilupparsi, come potrebbe peggiorare, di cosa dobbiamo essere consapevoli?

Negli Stati Uniti quello che probabilmente accadrà è che le élite, e con questo intendo le élite governative che lavorano con le élite corporative, specialmente le élite tecnologiche, implementeranno un sistema di credito sociale. Questo sta arrivando. Sta arrivando perché l’intera faccenda dei passaporti vaccinali ci sta allenando ad accettare questo genere di cose.

Ma è un totalitarismo nella misura del nazismo o del comunismo? Bisogna fare una distinzione importante tra autoritarismo e totalitarismo, perché alcune persone mi dicono: “Beh, non sei offensivo e insultante per le persone che hanno sofferto il vero totalitarismo?” Spiego che l’autoritarismo è generalmente un sistema politico in cui tutta l’autorità politica è concentrata in un leader o in un partito, ma al resto, al di fuori della politica, non interessa davvero quello che fai, al governo non interessa quello che fai.

Il totalitarismo è un sistema autoritario in cui tutto nella vita è politicizzato. Ad esempio, proprio quest’estate durante il Pride Month, ogni mese è il Pride Month, ma in uno speciale Pride Month più doppio, uno dei grandi produttori di cereali per la colazione negli Stati Uniti ha prodotto uno speciale cereale Gay Pride per bambini, un cereale per la colazione e sul lato della scatola hanno messo da far leggere ai tuoi figli mentre si godevano la loro colazione un esercizio per i bambini che li incoraggiava a pensare ai propri pronomi. Questo era la Kellogg’s, che è il principale produttore di cereali, e anche la colazione deve essere parte della rivoluzione.

Questo è esattamente quello che hanno fatto in Unione Sovietica. Nel mio libro racconto la storia di come nel 1924 la Società Scacchistica Sovietica cercò di difendere gli scacchi dalla rivoluzione in arrivo, e fece una dichiarazione dicendo: “Dobbiamo mantenere gli scacchi per il bene degli scacchi”. Il commissario disse: “No, no, no. Dopo la rivoluzione, tutto deve essere per la rivoluzione”. 

Anche ora, dopo la nostra rivoluzione, la rivoluzione culturale, anche i cereali per la colazione dei bambini devono far parte della rivoluzione.

* * *

Pubblico un estratto della lettera di dimissioni di Peter Boghossian da una università pubblica americana… Un altro impressionante documento sulla dittatura culturale in corso…

Gentile Susan Jeffords, Provost della Portland State University, 

Le scrivo oggi per rasssegnare le dimissioni da assistente universitario di filosofia alla Portland State University.

Negli ultimi dieci anni ho avuto il privilegio di insegnare qui. I miei campi di specializzazione sono il pensiero critico, l’etica e il metodo socratico. Tengo corsi come “Scienza e pseudoscienza” o “Filosofia dell’educazione”. Ma oltre all’esplorazione dei filosofi classici e dei testi tradizionali, ho avuto modo di ospitare durante le mie lezioni contributi esterni di Terrapiattisti, apologeti del cristianesimo, scettici del cambiamento climatico e attivisti di Occupy Wall Street. Sono fiero del mio lavoro.

Ho invitato relatori del genere non perché fossi d’accordo con le loro opinioni. Ma proprio perché non lo ero. Da quelle conversazioni confuse e difficili ho potuto scorgere il meglio di ciò che i nostri studenti possono imparare: mettere in discussione le convinzioni altrui rispettando chi le professa, rimanere calmi in circostanze impegnative, addirittura cambiare idea.

Non ho mai creduto – né lo faccio ora – che l’obiettivo dell’istruzione fosse portare i miei allievi a conclusioni particolari. Al contrario, ho cercato di creare le condizioni per un pensiero rigoroso e di aiutarli a ottenere gli strumenti per cercare e approfondire le proprie conclusioni. È per questo che sono diventato un insegnante e amo insegnare.

Tuttavia, passo dopo passo, l’università ha reso impossibile questo tipo di indagine intellettuale. Ha trasformato un bastione della libertà di ricerca in una fabbrica di giustizieri sociali che hanno come soli input la razza, il genere, l’essere vittima. E come unici output il risentimento e la divisione.

Agli studenti della Portland State non viene insegnato a pensare. Al contrario, vengono addestrati a scimmiottare le certezze morali di alcuni ideologi. I docenti e gli amministratori hanno abdicato  alla missione dell’università, che è la ricerca della verità, mentre fomentano intolleranza nei confronti di idee e opinioni diverse. Tutto questo ha creato una cultura della suscettibilità nella quale ora gli studenti hanno paura di parlare in modo onesto e aperto.

Nella mia esperienza alla Portland State ho avuto modo di notare abbastanza presto i segni di questo illiberalismo, che ora ha inghiottito l’accademia. Ho visto studenti che si rifiutavano di confrontarsi con punti di vista diversi. Mentre le obiezioni di docenti che mettevano in discussione le narrazioni accettate durante i corsi di educazione alla diversità, venivano respinte all’istante. Chi chiedeva su quali evidenze si fondassero le nuove politiche dell’istituto veniva accusato di microaggressione. E alcuni professori venivano giudicati intolleranti perché assegnavano testi canonici scritti da filosofi che, si dà il caso, erano europei e maschi.

Per me, gli anni successivi sono stati segnati da molestie continue. Trovavo volantini nel campus in cui ero raffigurato con il naso di Pinocchio. Alcuni passanti mi hanno sputato e minacciato mentre andavo a lezione. Sono stato informato dai miei studenti che i miei colleghi dicevano loro di evitare i miei corsi. Naturalmente, sono stato sottoposto a nuove indagini. 

Non è l’esito che auspicavo. Ma mi sento moralmente obbligato a fare questa scelta. Per dieci anni ho insegnato ai miei studenti l’importanza di vivere secondo i propri principi. Uno dei miei è quello di difendere il nostro sistema di istruzione liberale da coloro che cercano di distruggerlo. Chi sarei mai se non lo facessi?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: