Hitler e Stalin si davano la mano

La Verità 23 agosto 2019

di Marcello Veneziani

Il 23 agosto di ottant’anni fa il mondo stava prendendo un’altra piega che avrebbe cambiato i destini dell’umanità. Stalin e Hitler strinsero un patto che sarebbe diventato un abbraccio fatale per il comunismo, per il nazismo ma anche per il resto del mondo. Era un patto di non-aggressione, firmato al Cremlino dai due ministri degli esteri, Molotov e Ribbentrop, ma era in realtà un patto di aggressione al resto del mondo. Un reciproco via libera all’insegna dell’anticapitalismo, dell’antisemitismo e dell’antioccidentalismo.

Stalin brindò col ministro tedesco alla salute del Fuhrer e all’amicizia tra i due regimi. Un mese dopo seguì un ulteriore patto di amicizia. Rimase in piedi per un paio d’anni, quel patto, permise di spartirsi la Polonia, consentì alla Germania di invadere i paesi vicini e dichiarare guerra alle plutocrazie occidentali, ricevendo dall’Urss scorte di petrolio, informazioni segrete e materiali necessari al conflitto. Se il carattere sospettoso e maniacale dei due dittatori non avesse prevalso, oltre le ragioni strategiche, oggi vivremmo in un altro pianeta.

Magari a guerra finita ci sarebbe stata una finale resa dei conti tra la Germania indoeuropea e la Russia asiatica; però intanto avrebbero liquidato insieme capitalismo, democrazie liberali, ebrei ed egemonie atlantiche. Fu l’Operazione Barbarossa, due estati dopo, a spezzare l’incantesimo e l’idillio, con l’attacco tedesco all’Urss.

Di quel patto, la stampa e la cultura occidentale, egemonizzate da una cultura di provenienza marxista e comunista, ha sempre finto di non ricordarsi e continua a dimenticare. Ma quel patto non riguardò solo i due dittatori. Fu un patto che coinvolse i regimi, i partiti, gli apparati, la propaganda. E si estese ben al di là dell’Unione Sovietica a tutta l’Internazionale comunista. Fu imbarazzante, e a tratti ripugnante, la giravolta che i comunisti francesi e italiani, Togliatti incluso, fecero dall’antifascismo militante fino alla guerra di Spagna alle epurazioni dei dissidenti antinazisti, alle circolari che esortavano a chiudere ogni ostilità tra rossi e neri e a guardare con simpatia alla Germania nazista che si apprestava ad aggredire le nazioni capitaliste.

Qualcuno, come Angelo Tasca, tra i fondatori del partito comunista d’Italia, prese quel patto assai sul serio, e in Francia dove era esule da comunista dissidente, fu col regime filo-nazista di Vichy, diresse una rivista collaborazionista con la Francia occupata dai nazisti, l’Effort, e fu dipendente del governo di Petain. Altri compagni da noi si barcamenarono, elogiarono il Patto, misero la sordina all’antinazismo. Camilla Ravera e Umberto Terracini osarono criticare il patto con Hitler: furono espulsi dal Pc. Rischiò grosso anche Peppino Di Vittorio; gli altri si allinearono.

Al di là dei fatti storici, le giravolte e i retroscena, come giudicare quel patto sul piano delle idee? Ci affidiamo al giudizio di due acute pensatrici ebree, una rivoluzionaria-socialista e l’altra liberal-democratica. Scrivendo Sulla Germania totalitaria, Simone Weil osservava che le parole d’ordine dei nazisti e dei comunisti sono state quasi identiche e notava già prima del patto: “non si può negare l’esistenza tra i comunisti di una certa corrente di simpatia verso gli hitleriani…

Si ha spesso l’impressione che operai comunisti e operai nazisti nelle loro discussioni cerchino invano di trovare un punto di disaccordo… In pieno terrore hitleriano si potevano sentire hitleriani e comunisti rimpiangere insieme i momenti in cui lottavano, come dicevano, fianco a fianco, vale a dire il tempo del plebiscito rosso; si poteva sentire un comunista gridare: ‘Meglio nazista che socialdemocratico’”.

Ne Le origini del totalitarismo Hannah Arendt sottolineò le convergenze tra nazismo e comunismo, l’ammirazione di Hitler per “il geniale Stalin” e ricordò che Krusciov aveva rivelato: “Stalin si fidava solo di un uomo, e questo era Hitler”. Nazismo e comunismo, notava Pierre Chaunu, sono “gemelli eterozigoti” e Francois Furet sottolineava “la parentela inconfessata” tra i due e la complicità ideologica.

Nel Novecento, il Secolo del male, Alain Besancon, nota che Russia comunista e Germania nazista ebbero in comune la parola lager. Quell’uso, come è noto, non fu solo verbale. Comunismo e nazismo condivisero la promessa del bene assoluto in terra. Il nazismo ebbe una passione estetica, magica e naturalistica mentre il comunismo ha una passione etica, storica e materialistica.

I nazisti promisero di ridare bellezza al mondo, i comunisti promisero di dare bontà al mondo. Il comunismo uccide a fin di bene, è pedagogico e obbliga le sue vittime a interiorizzare le sue nuove regole morali; per questo, aggiunge Besancon, è più perverso del nazismo. Perverte a tal punto “il principio di realtà e il principio morale da poter sopravvivere a 85 milioni di cadaveri”, mentre l’idea nazista soccombe con le sue vittime. Il nazismo, in linea col suo particolarismo, è ferocia circoscritta a un preciso nemico (gli ebrei e altre minoranze mirate); il comunismo, coerente col suo universalismo, è visione punitiva estesa all’umanità.

Tutti possono diventare vittime del comunismo, chi difende la famiglia, la patria, la religione o la proprietà o gli stessi comunisti “deviati”, anarchici e “socialtraditori”. Il nemico del comunismo è generico e indefinito, il nemico del nazismo è specifico e definito. La paura nei regimi comunisti è universale, tutti denunciano tutti.

Perciò, nota Besancon, i comunisti “hanno bisogno della chiusura assoluta delle frontiere, per proteggere il segreto delle loro fosse, del loro fallimento”. Infatti il comunismo crolla con la globalizzazione. I comunisti controllano l’informazione in modo capillare, fino a “sostituire la realtà con una pseudorealtà”. Vi ricorda qualcosa? Viviamo di continui paragoni tra l’oggi e l’avvento del nazismo.

Quanti paragoni potremmo fare tra la sinistra d’oggi e la sua matrice comunista?

______________________

Leggi anche:

Filo rosso da Mosca a Berlino (Hitler – Stalin)

Specchio delle sue brame (revisionismo Hitler-Lenin)

Gli orrori del comunismo e del nazismo (video)

Ecco come Stalin spinse Hitler sul trono

L’alleanza fra Hitler e Stalin

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: