I poveri del Libano

Newletter n. 6 – Giugno 2019

Notiziario di un gruppo di volontari di “Oui pour la vie”, un’associazione di volontariato con sede a Damour in Libano, legalmente riconosciuta impegnata in favore dei più poveri di ogni appartenenza religiosa e provenienzahttp://www.ouipourlavielb.com/it/ Facebook: Damiano Puccini pdamianonotiziarivolontari@gmail.com

P Damiano Puccini

Il Libano è il paese con il più alto tasso di rifugiati per abitanti, su una popolazione di circa 4,3 milioni. Secondo l’ultimo rapporto condotto dall’Unhcr sulla volontà di tornare in Siria, condotto su un campione di oltre 2000 rifugiati siriani in Libano, Giordania e Egitto, più di sette su dieci vorrebbero rientrare in patria.

La guerra in Siria, come ci dimostrano le cronache, è tutt’altro che conclusa. Le recenti offensive provocano altre centinaia di migliaia di sfollati e moltissimi morti tra i civili. In Siria, in questi otto anni di guerra più di metà degli abitanti ha dovuto abbandonare la propria casa.

Ad Aleppo, i quattro anni di assedio hanno ridotto i cristiani dai 150 mila ai 35 mila attuali. Il Libano rischia di non poter garantire l’assistenza sanitaria necessaria ai profughi siriani presenti nel paese dal 2011 a causa della mancanza di fondi.

La nostra associazione “Oui pour la Vie” è sempre impegnata in prima linea principalmente con la cucina di Damour, che offre sempre un numero crescente di pasti ai bisognosi di ogni appartenenza, per cercare di far fronte alle loro gravi carenze alimentari.

Sono sempre in continuo aumento le richieste di aiuto per l’acquisto di medicine. Per cercare di far fronte a queste urgenze, si chiede sempre a tutti di aiutare e di far pubblicità. Nel periodo estivo cerchiamo di portare avanti iniziative di animazione e di formazione per bambini.

Un sacerdote di un paese vicino a Damour, ha avuto nel suo ministero di annuncio del Vangelo qualche difficoltà con una signora di 40 anni. Le ha provate tutte per cercare di convertirla e sempre senza progressi. Alla fine ha consigliato a questa signora di venire nella nostra associazione di Oui pour la Vie per offrire la sua disponibilità gratuita.

Dopo un po’ di tempo questa signora ha riscoperto la gioia di riflettere sul vangelo e di viverlo, affermando che essere credenti non richiede solamente di pregare, ma anche di lavorare con buona intenzione, di amare ma prima ancora di sapersi amare. L’amore di Cristo si propaga e si riflette.

La nostra cucina si trova nel centro del paese. Il mese scorso un signore, con un tono molto alterato, ha esclamato, mentre passava davanti al nostro locale durante la distribuzione dei pasti: “Voi aiutate quelli che ieri ci hanno tagliato la gola e che lo rifaranno domani”.

Uno dei volontari presenti, conservando la calma, gli ha risposto facendogli notare che sono i toni aggressivi ad aumentare il rischio di disordini, piuttosto che la collaborazione che si ottiene dai rifugiati sia nel preparare il cibo che nel distribuirlo insieme al buon clima instaurato con tutti.

“Signore, donaci la tua luce per aprire i nostri occhi e i nostri cuori, donaci il tuo amore per amare bene gli altri, donaci la forza per lavorare bene e per cambiare i nostri comportamenti, concedici la modestia per essere umili”.

___________________

Per testimonianze in Italia tel 333/5473721 pdamianolibano@gmail.com; Per inviare offerte: Bonifico intestato al conto: Oui pour la Vie, presso Unicredit a Cascina (PI). Indirizzo:Rue Mar Elias,35 Damour Lebanon.BIC-Swift: UNCRITM1G05 IBAN: IT94Q0200870951000105404518; dopo invio offerta scrivere il proprio indirizzo e telefono a info@ouipourlavielb.com per potervi confermare il ricevimento dell’offerta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: