“L’Europa è un continente morente”

Newsletter di Giulio Meotti

13 Febbraio 2022

Un magnifico libro in America documenta la nostra malattia: “Dall’Islam che supera il cristianesimo alle burocrazie che decidono quanto vale una vita, l’Europa è un’equazione catastrofica”

di Giulio Meotti

Euro-Trash. Why America must reject the failed ideas of a dying continent. Come non essere d’accordo con il libro del saggista americano David Harsanyi in uscita da Harper Collins e che ho letto in questi giorni? I titoli dei capitoli sono una sintesi di cosa non va in Europa: “utopie scandinave”, “immagina non ci siano confini”, “fine della fede”, “polizia del pensiero”, “Europa casa di riposo”, “santità della vita”….

Deprimente il capitolo sulla libertà di espressione: l’affaire dei Versetti Satanici di Salman Rushdie, la strage a Charlie Hebdo, i libri censurati e gli scrittori che si sono autocensurati, l’Idomeneo di Mozart eliminato a Berlino per non offendere l’Islam e tanti altri casi che sei anni fa mi hanno spinto a scrivere un libro dal titolo Hanno ucciso Charlie Hebdo. La libertà di espressione è finita.

Ancora di più il capitolo sulla demografia: “Storicamente, la popolazione europea si è contratta a causa di genocidi, conflitti e guerre transnazionali. Questa volta, è più pacifico e più definitivo. L’Europa è nel mezzo di ciò che Niall Ferguson definisce ‘la più grande riduzione della popolazione europea dalla peste nera nel XIV secolo’, e ci sono poche prospettive di svolta. Se la traiettoria continua, e non c’è motivo di credere che non accadrà, l’Europa diventerà il guscio di se stesso in pochi decenni.

È destinata ad avere enclave ricche circondate da edifici vuoti e decine di milioni di nuovi arrivati. È una potenziale equazione sociale catastrofica. Se non bastasse, il tasso di fertilità musulmana in Europa è 2,6, un bambino in più rispetto ai non musulmani. In Francia, le francesi hanno 1,7 figli, quelle nate all’estero 2,8 figli. In Austria, il tasso di natalità per i cattolici è 1,32, per i protestanti 1,21, per gli atei 0,86 e per i musulmani 2,34. Secondo i demografi del Vienna Institute of Demography, l’Islam sarà la religione per gli austriaci sotto i quindici anni entro il 2050”.

L’allora presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker a un pubblico di élite europee riunite in Austria disse che “i confini sono la peggiore invenzione”.

“Per Juncker, originario della ricca città-stato del Lussemburgo, l’idea di uno stato-nazione con cultura, lingua, valori e storia comuni non solo è obsoleto, ma inventato. L’unico ostacolo alla convivenza umana, insinuò Juncker, erano le linee arbitrarie create dall’uomo sulle mappe. La geografia, a quanto pare, era la barriera che separava la cultura tedesca dalla cultura somala. Era come se secoli di storia, guerre, riforme, rivoluzioni e risvegli non fossero mai accaduti.

Nella concezione del mondo dei tecnocrati, le persone sono automi, piccoli frammenti di PIL. L’argomento europeo per l’apertura delle frontiere potrebbe essere stato formulato con compassione, ma ignora una verità fondamentale, scomoda: gli esseri umani hanno un bagaglio ideologico, teocratico e antico, principi, abitudini, rituali, prospettive, temperamenti, gerarchie morali che hanno formato la loro visione del mondo. I confini, o almeno l’immensa ricchezza e i valori liberali al loro interno, offriva ai rifugiati sicurezza dagli orrori e dal degrado di stati tirannici e forze teocratiche violente che dominano il Medio Oriente e l’Africa contemporanee.

Le condizioni in Siria, Iraq, Afghanistan e Libia non erano state create nel vuoto da pochi cattivi leader, non più di quanto il liberalismo dell’Europa occidentale fosse scaturito dall’etere. Ma le conseguenze delle sconsiderate politiche di frontiera dell’UE hanno cambiato il continente per sempre. Anche se l’Europa congelasse tutte le migrazioni, i musulmani, nel complesso più giovani e con maggiori probabilità di avere figli, continuerebbero ad aumentare drammaticamente come quota della popolazione.

Mentre la Svezia non ha sperimentato alcuna immigrazione nella prima metà del XX secolo, oggi la nazione di 9 milioni ospita 1,5 milioni di immigrati. La Francia ospita 6 milioni di musulmani, l’8,8 per cento della popolazione, che saranno il 15 per cento entro il 2050”.

Houellebecquiano il capitolo sulla proliferazione di leggi in Europa a favore dell’eutanasia e dell’eugenetica: “Nell’antica Sparta, i neonati venivano esaminati dagli anziani e se non erano fisicamente conformi, venivano lasciati nel deserto con gli animali. Anche se l’Europa non è regredita del tutto a questo punto, la versione moderna di questa pratica è codificata dal Protocollo di Groningen, dal nome del Groningen University Medical Center, dove l’eutanasia pediatrica, già diffusa in Europa, è stata formalizzata”.

“Gli standard per l’infanticidio sono stati stabiliti dopo che il Dutch Journal of Medicine ha scoperto che 22 neonati disabili erano stati soppressi con iniezioni letali di sedativi tra il 1997 e il 2004. Due più recenti studi condotti su The Lancet hanno mostrato che circa l’8 per cento di tutti i bambini che muoiono nei Paesi Bassi vengono uccisi dai medici, tra gli 80 e i 90 all’anno”.

“E ora la burocrazia in Europa  decide quanto vale una vita. L’abbandono dell’etica giudaico-cristiana ha lasciato un vuoto. Quando si combina questa incoscienza morale con uno stato autorizzato a fare decisioni di vita o di morte per gli individui, hai un disastro fra le mani”.

Nel 2020, un documentario, De Laatste Downer, ha esplorato le vite degli ultimi europei affetti da sindrome di Down. “In un episodio, un giovane di nome Sjoerd visita il Dutch National Institute for Public Health and the Environment, un istituto di ricerca che forma la politica del governo. Piuttosto che informare Sjoerd che una società dignitosa e umana non mette mai un prezzo su una vita, il ricercatore del governo inizia a fare calcoli sulla lavagna: le persone con la sindrome di Down costano alla società ‘48.000 euro all’anno’”.

Poi c’è il capitolo sulla scristianizzazione. “Non c’è un’illustrazione più chiara del declino dell’Europa del destino dei suoi edifici di mattoni e malta. Centinaia di chiese, un tempo gloriose, alcune delle quali hanno impiegato decenni per essere erette e sono diventate grandi centri della vita civile per centinaia di anni, sono chiuse e dismesse ogni anno a causa del calo dell’interesse spirituale.

Dall’alto in basso, da destra a sinistra: la chiesa di Santa Barbara a Llanera in Spagna (oggi skate park), la chiesa di San Paolo a Bristol in Inghilterra (oggi una scuola di circo), la chiesa di Cafarnao di Amburgo (oggi moschea) e la chiesa dei martiri a Edimburgo (oggi un bar)

Molte di queste bellissime realizzazioni architettoniche, omaggi alla cultura dell’Europa, con i loro spettacolari soffitti a volta e le magnifiche vetrate, sono state convertite in sale da concerto e biblioteche, ma l’offerta supera rapidamente la domanda. Il cristianesimo viene sostituito, anche fisicamente, dal secolarismo, dal consumismo, dal multiculturalismo e dall’Islam”.

Il quadro descritto da David Harsanyi, che i lettori della newsletter conoscono bene, è a dir poco desolante: “La Chiesa di Santa Barbara a Llanera, in Spagna, è stata trasformata nello skateboard park ‘Kaos Temple’ e con la sponsorizzazione dell’azienda di bevande energetiche Red Bull, un celebre artista ha ricoperto soffitti e pareti con figure geometriche.

La Chiesa dei martiri a Edimburgo, in Scozia, un tempo fiorente luogo di culto luterano, è ora il bar ‘Frankenstein’, dove ballerini intrattengono addii al celibato. La chiesa di San Paolo a Bristol è una scuola di circo. La Chiesa d’Inghilterra è stata costretta a chiudere una ventina di chiese ogni anno negli ultimi dieci anni. In Germania, la Chiesa cattolica ha chiuso cinquecento chiese negli ultimi dieci anni.

Si prevede che settecento chiese protestanti in Olanda chiuderanno nei prossimi anni. La migliore possibilità per la sopravvivenza di una chiesa in questi giorni sta diventando diventare un’attrazione turistica. Non tutte le chiese hanno l’ignominia di essere trasformate in skate park o discoteche. La Moschea Nur è stato inaugurata ad Amburgo, la seconda città più grande della Germania, dopo che un investitore musulmano ha acquistato l’ex chiesa e l’ha donata al centro islamico.

Stessa sorte alla chiesa domenicana di Lille e alla chiesa di San Giuseppe a Parigi. La Moschea Al Fateh ad Amsterdam, la Moschea del Sultano Ayoub e la Moschea Osman Ghazi nei Paesi Bassi, sono costruite su ex chiese. C’è una grande richiesta di moschee in Europa. Anche se si potrebbe credere che non ci sia qualcosa di sbagliato nell’importazione in grandi dimensioni di un numero di persone le cui tradizioni potrebbero non essere in sintonia con le tue, potrebbe essere più problematico se la loro fede sta sostituendo la tua.

Ci sono quattro volte più musulmani che pregano nelle moschee in Gran Bretagna di quanti non siano gli anglicani in chiesa la domenica. L’Islam è il religione in più rapida crescita in Europa e potrebbe triplicare di dimensioni entro trent’anni. In realtà, a questo punto, l’Islam è l’unica religione in crescita in Europa”.

Il libro di David Harsanyi, scrittore libertario figlio di rifugiati ungheresi dal comunismo, è mirabilmente argomentato e documentato (la sezione delle note è più lunga del libro) e andrebbe tradotto in italiano. Sarebbe un bel ceffone a chi continua a negare la realtà. Ma sono d’accordo con quanto scrive Douglas Murray sul libro e, dopo averlo letto, mi è venuto un brivido per il nostro Vecchio, vecchissimo continente, lo stesso che nel 1978 spinse Raymond Aron, magnifico e solitario filosofo liberale anticomunista, a scrivere In difesa dell’Europa decadente, quest’Europa nella quale le crisi si succedono e si sovrappongono e la libertà è fragile, l’Europa dei consumi e dei monopoli, repressiva e permissiva, incompiuta, decadente, fragile.

E io continuo a preferirla alla decadenza woke della ben più ricca società americana

iscriviti alla Newsletter di Giulio Meotti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: