Il patto fra la Svastica e la Mezzaluna

Newsletter di Giulio Meotti

9 Aprile 20201 

In esclusiva per la mia newsletter un saggio di Bat Ye’Or. “Ci furono legami profondi, militari e ideologici, fra il mondo islamico e il nazismo. Aiutano a capire i pericoli che oggi corre l’Europa

di Giulio Meotti

Pubblico con orgoglio in esclusiva per la mia newsletter un lungo saggio che mi ha mandato Bat Ye’Or, la grande storica e studiosa della “dhimmitudine”, sul libro di David Motadel, “Les musulmans et la machine de guerre nazie”, uscito in italiano presso le Edizioni Leg qualche mese fa

* * *

E’ un’opera che espone nel dettaglio e con la meticolosa accuratezza della ricerca storica l’intero panorama dell’alleanza tedesco-islamica nel corso del XX secolo. Ovviamente c’è già molto lavoro su questo argomento. Tuttavia, il libro di David Motadel ha l’immenso vantaggio di concentrarsi sull’islamofilia geostrategica della Germania, i suoi successivi sviluppi durante le guerre mondiali e le sue conseguenze fino al XXI secolo.

Un aspetto innovativo del libro consiste nell’analizzare la mobilitazione e la strumentalizzazione della religione musulmana nella guerra e, in questo caso specifico, il suo sfruttamento da parte della Germania nazista.

Questo orientamento si era già manifestato all’inizio della Prima guerra mondiale nell’alleanza di Germania e Austria-Ungheria con l’Impero Ottomano contro le potenze dell’Intesa: Francia, Gran Bretagna, Italia, Russia, Serbia e Montenegro. Fu, infatti, su istigazione della Germania che nel novembre 1914 il sultano-califfo ottomano lanciò ai musulmani un appello al jihad contro i loro comuni nemici. Il fattore religioso del jihad associava l’Islam agli obiettivi politico-strategici germanici.

Nella prima parte, Motadel esamina la rappresentazione dell’Islam e dei musulmani nella strategia di guerra tedesca. Questa visione, molto favorevole ai musulmani, fu costruita a partire dal XIX secolo nel contesto delle rivalità coloniali europee.  La solidarietà militare dell’alleanza tedesco-ottomana della Prima guerra mondiale rafforza l’islamofilia germanica.

Nel periodo tra le due guerre, squadre di esperti, diplomatici, intellettuali e soldati tedeschi si interessarono all’Islam a livello religioso e militare con una prospettiva favorevole al pangermanesimo. Ci sono affinità ideologiche tra nazismo e islam. Incentrato su jihad, guerra santa e martirio, questo movimento rafforza la collaborazione dei leader nazisti con i religiosi musulmani, mufti, imam, leader panislamisti che corteggiano.

In qualità di difensore dell’Islam, Berlino promuove le rivolte dei musulmani in Crimea, nel Caucaso e nelle colonie francesi e britanniche. L’autore esamina la politica tedesca verso l’Islam sviluppata dal Ministero degli Affari Esteri e la strumentalizzazione del jihad e del fattore religioso. Berlino diventa un punto di ritrovo per gli arabi provenienti da Siria, Palestina, Iraq, Nord Africa.

Altri musulmani provengono dai Balcani, dalla Turchia, dalla Crimea, dal Caucaso, dalle repubbliche musulmane dell’Unione Sovietica, dall’Afghanistan. Mufti, imam, ufficiali musulmani sono presi di mira da alti dirigenti tedeschi, assicurano indottrinamento e addestramento militare.

Attraverso le staffette nei paesi musulmani, diffondono un’intensa propaganda di odio contro gli alleati e soprattutto gli ebrei destinati allo sterminio su un tema religioso.

La seconda parte esamina la collaborazione nazista-musulmana nel 1939-45 nelle tre zone di guerra dove era importante il reclutamento di volontari musulmani. Queste regioni sono il Nord Africa e il Medio Oriente, soprattutto nei paesi arabi dove riappaiono le vecchie collaborazioni tedesco-islamiche del 1914-18.

Questa peculiarità si manifesta sul fronte orientale (Ostland) che comprende, oltre a Bielorussia e Ucraina, il Caucaso, la Crimea, la Cecenia, i confini asiatici dell’Urss, la Polonia dove viene creata una sede e l’arruolamento delle popolazioni musulmane tartare nella Wehrmacht o nelle SS. Infine, il fronte balcanico con le sue numerose popolazioni musulmane residue si stabilì dopo l’occupazione ottomana dei territori cristiani europei.

Questa parte espone le forze interconnesse dell’Asse con mezzo milione di soldati musulmani dispersi dal regime nazista su numerosi teatri di guerra e nei paesi occupati dal Terzo Reich.

La terza parte analizza le attività militari del volontariato musulmano nell’amministrazione tedesca. Studia i meccanismi psicologici e religiosi di mobilitazione di vaste popolazioni musulmane, il loro arruolamento nella Wehrmacht e nelle SS, i loro incarichi nell’esercito o nella polizia, nel servizio di intelligence interno (RSHA, sotto la responsabilità di Ernst Kaltenbrunner) coinvolto in genocidi e stragi, la loro distribuzione sotto la custodia dei campi di sterminio.

L’autore descrive la gerarchia militare-religiosa degli imam che comandano questi settori e la loro formazione. Il capitolo finale è sul ruolo dell’Islam nella propaganda militare e nell’indottrinamento, la guerra teologica contro gli infedeli. La strumentalizzazione della religione islamica da parte dei nazisti si manifesta nella mobilitazione dei musulmani e nella propaganda.

Sono arruolati bosniaci, albanesi, azeri, tartari, arabi. In un momento in cui l’Europa occupata dà la caccia ai suoi ebrei e li stermina dai non nati agli anziani, accoglie i musulmani con rispetto. Concede loro privilegi speciali per le celebrazioni religiose, andando oltre i loro desideri e raccomanda di rispettare la loro religione, di astenersi dal bere alcolici in loro presenza, di evitare parole offensive.

L’islamofilia è tale che diversi alti funzionari nazisti si affascinano, primo tra tutti Himmler, cervello e artefice di questa vasta strategia transnazionale che associa i musulmani all’ideologia nazista e alla strategia di sterminio del giudaismo e del cristianesimo.

Vi collaborano tutti i governi dei paesi europei occupati. Squadre miste di orientalisti tedeschi ed europei lavorano insieme a mufti, imam, ulema. Insieme coordinano una propaganda d’odio e indottrinamento in tutto il pianeta, dal Marocco alle Filippine.

Il più attivo è il mufti di Gerusalemme, Amin al-Husseini, che fonde il militarismo nazista con il jihadismo teologico aggiornando i versi coranici e gli hadith. È la realizzazione dell’Islam-nazismo. Siamo al centro di un’umanità barbara nutrita dall’emulazione del peggio tra lo sterminio del nazismo e il jihadismo genocida.

Il rifiuto sprezzante del cristianesimo derivante dal giudaismo stimola l’islamofilia dei governanti del Terzo Reich. Nelle ultime settimane di regime, Hitler ha sostenuto per la nuova Europa che intendeva costruire “un’audace politica di amicizia con l’Islam”.

Questa immensa rete transnazionale non è scomparsa dall’oggi al domani dopo la sconfitta tedesca. In Medio Oriente, al-Husseini è riuscito a far immigrare nei paesi arabi alcuni dei suoi colleghi musulmani al servizio dei nazisti. Inoltre, ha formato una milizia e ha chiamato i soldati musulmani della Wehrmacht, tra cui quelli della divisione Handzjar che hanno compiuto massacri di massa in Jugoslavia e un genocidio di serbi, ebrei e rom.

Anche prima dello scoppio della guerra arabo-israeliana del 1948, gli uomini del muftì erano entrati nei villaggi arabi e mescolati alla popolazione avevano condotto una sanguinosa guerriglia contro gli ebrei. Il primo segretario generale della Lega araba, Abdoul Rahman Hassan Azzam Bey, annuncia “una guerra di sterminio di cui si parlerà come i massacri mongoli”.

Ho descritto, in libri e articoli, la persistenza dell’antisemitismo che pervade le istituzioni europee, insieme a un’islamofilia benevola nei confronti dell’immigrazione musulmana. Il desiderio di Himmler di sostituire il giudeo-cristianesimo con l’Islam è espresso nelle attuali lamentele per le sconfitte musulmane a Poitiers, Lepanto e all’assedio di Vienna nel 1683. 

È da questa ragnatela invisibile, tessuta nella guerra di sterminio del 1939-45 contro gli ebrei da parte del nazislamismo, che si sviluppano oggi tutti i veleni che distruggono la civiltà giudaico-cristiana occidentale, bersaglio del jihad da tredici secoli. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: