L’Occidente tradisce i cristiani del Medio Oriente

Dal blog Ora Pro Siria martedì 21 aprile 2020

  intervista con il Patriarca Giovanni X Yazigi

di Alessandro Petri, (giornalista indipendente)

trad. Gb.P. per OraproSiria

Eminenza, quali sono le ragioni del calo del numero di cristiani in Medio Oriente?

Le ragioni sono diverse e risalgono a secoli fa. La prima significativa riduzione dei cristiani orientali risale al settimo secolo, quando i conquistatori cercarono di imporre loro l’Islam, solo ed esclusivamente, considerandolo l’assoluto della visione ebraica e cristiana. Ciò ha comportato discriminazione e oppressione dei cristiani, sia direttamente che indirettamente, attraverso persecuzioni aperte, nonché un’imposta sui non credenti. Entrambe queste persecuzioni hanno provocato conversioni di massa all’Islam. In effetti, la sopravvivenza dei cristiani dipendeva principalmente dalla personalità dei califfi, che erano considerati Amir al-Mu’minin, cioè “comandanti dei fedeli”, che rivestivano sia il potere religioso che quello politico.

Purtroppo, tale persecuzione continua ancora oggi, vero? Come si manifesta oggi la persecuzione dei cristiani? Negli ultimi due decenni, il loro numero è precipitato, principalmente a causa del cosiddetto radicalismo islamico, che è politicamente legato all’ideologia del wahhabismo e dei Fratelli Musulmani (un’organizzazione vietata nella Federazione Russa). Queste ideologie teocratiche hanno fornito una base per la creazione di gruppi terroristici come al-Qaeda e ISIL (organizzazioni bandite nella Federazione Russa) che si sforzano di imporre una Jihad sanguinosa e militante come modo per diffondere l’Islam.

A parte lo stato di emergenza per la nostra sicurezza derivante dalle loro azioni, ci sono condizioni economiche difficili e globalizzazioni che contribuiscono all’emigrazione dei cristiani, nonché altre cause secondarie. Ciò che l’Occidente spesso non capisce è che anche se il numero di questi gruppi fondamentalisti diminuisce, la loro ideologia continuerà a persistere, e ciò comporta una preoccupazione profonda e costante per noi cristiani. Vediamo il nostro futuro come una vita all’interno di una comunità che non accetta la separazione dell’Islam dallo Stato e che, imponendo un sistema basato su questa ideologia, è pronta a discriminare i cittadini non musulmani.

Come valuta la posizione dell’Occidente rispetto ai Cristiani d’Oriente? A causa dell’opportunismo politico delle amministrazioni occidentali, i cristiani in Medio Oriente sono stati abbandonati, o piuttosto traditi dall’Occidente, che ha dimenticato che siamo gli eredi di una cultura millenaria e i primi predicatori della fede cristiana. Lottando per la sopravvivenza, le nostre comunità non sono i alcun interesse per i politici occidentali, perché siamo minoranze numeriche, spesso prive di risorse finanziarie e che non saranno mai una minaccia terroristica per il mondo civile.

I cristiani si chiedono perché siamo così ignorati e trascurati da Paesi che sono considerati difensori dei diritti civili e sono così attivamente coinvolti nella protezione dei diritti di varie minoranze. E sono proprio questi Paesi che dimenticano le minoranze cristiane più vulnerabili in Medio Oriente, che rischiano di essere espulse del tutto dalla loro patria storica.

Come valuta la posizione dell’Occidente rispetto al terrorismo che la regione deve affrontare? La posizione occidentale sul terrorismo islamico è molto ambigua. Questa ambiguità può derivare in parte dal comportamento “politicamente corretto” utilizzato dai politici, dai media e dalle istituzioni non-profit. Da un lato, i politici occidentali non hanno il coraggio di dire che oltre il 90% del terrorismo mondiale è un prodotto dell’Islam radicale! Dall’altro lato, continuano a discutere del deterioramento del continente Europeo, il che implica che le ondate migratorie indotte dal terrorismo dal Medio Oriente verso l’Europa potrebbero alla fine rivelarsi utili.

È per questo che lei ritiene che le azioni militari occidentali nella regione sotto il pretesto di combattere il terrorismo siano inefficaci?

È ovvio che i governi dei Paesi a maggioranza musulmana in Medio Oriente sono lontani dalla cosiddetta “democrazia occidentale”. Ma ciò non giustifica il caos che si diffonde nei Paesi che accolgono la convivenza con la religione nella vita pubblica e privata dei cittadini. Se l’Occidente vuole aiutare i governi della regione, lo faccia operando per facilitare la loro graduale transizione verso un sistema di controllo civile libero da discriminazioni basate sulla religione. Bisogna ammettere in tutta onestà che nessun Paese a maggioranza prevalentemente musulmana ha mai tenuto elezioni politiche libere dall’affiliazione religiosa.

In che modo l’Occidente può cambiare atteggiamento nei confronti del Medio Oriente, proteggere le minoranze religiose in modo più efficace e promuovere la coesistenza interreligiosa?

Evitando qualsiasi tipo di paternalismo, l’Occidente dovrebbe insistere sul rispetto genuino della carta dei diritti civili in tutti i Paesi del Medio Oriente. Fino ad oggi, la cosiddetta protezione dei diritti umani è stata utilizzata per giustificare l’intervento in Paesi con notevoli profitti da parte delle imprese petrolifere, ad esempio, pubblicizzando le prospettive geopolitiche dei Paesi ricchi di petrolio con cui l’Occidente è interessato a collaborare. Anche quando certamente non riescono a proteggere i diritti delle minoranze religiose. Ciò che è necessario è uno sforzo coordinato e unificato da parte dei Paesi dell’Unione Europea.

Molti governi del Medio Oriente affermano che l’immigrazione di massa in Europa è un problema per i loro Paesi poiché li priva della propria gioventù. Ha una valutazione simile?

Naturalmente, l’emigrazione, soprattutto di giovani, può drenare sangue dai Paesi in via di sviluppo. Sarebbe apprezzabile che si trovassero altri modi per aiutare i Paesi senza risorse economiche. Le ondate migratorie testimoniate stanno causando tragedie indicibili: perdita delle proprie radici, espulsione dal suolo natio, perdita di cultura e alienazione socio-religiosa sono tra le conseguenze più dannose della migrazione sia per i Paesi di origine che per i Paesi ospitanti.

Spesso si dice: “aiutiamo queste persone là dove vivono”. Cosa pensa che dovrebbe essere fatto per sviluppare misure di assistenza nei Paesi in cui lei opera che darebbero ai giovani l’opportunità di non andarsene?

In questo caso, è anche necessario un approccio unificato dell’UE per attuare progetti di sviluppo sostenibile nei Paesi bisognosi, progetti che devono essere controllati e monitorati costantemente al fine di creare un’economia sostenibile in questi Paesi. I cristiani devono rimanere nella terra storica dei loro antenati e per questo hanno bisogno della solidarietà dei loro fratelli e sorelle europei. Il mio consiglio all’Unione Europea è il seguente: prima di tutto, è necessario identificare con sicurezza i Paesi che sono i soggetti di una forte emigrazione, quindi tracciare una linea tra rifugiati reali costretti a fuggire dalla violenza e gli emigranti per motivi economici.

In che modo le sanzioni occidentali hanno influenzato la gioventù siriana e i Cristiani in Siria?

Il cosiddetto “embargo” o sanzioni economiche hanno conseguenze terribili per milioni di civili. Queste sono manipolazioni geopolitiche dell’Occidente, che vuole continuare a esercitare pressioni sulla Siria, un paese che si sta muovendo verso uno dei sistemi di governo più laici della regione. I giovani siriani, che sono generalmente aperti a studi e lavori laici, corrono il serio rischio di non essere in grado di resistere a un tale “embargo” che dura da molti anni. La grande sfida per noi è come ridare loro la speranza per il futuro, durante questo periodo di grande confusione e instabilità.

Come valuta l’atteggiamento della Chiesa Cattolica nei confronti dell’emigrazione?

Questo è certamente un problema di grande preoccupazione per la Chiesa in tutta Europa. I cristiani in Medio Oriente sono profondamente grati ai loro colleghi occidentali che li hanno aiutati, professando una solidarietà spirituale ed economica unica negli ultimi anni di calamità. Per aiutarci meglio a resistere alle sfide storiche che affrontiamo, chiediamo aiuto ai nostri fratelli europei per convincere i nostri giovani, molti dei quali sono disorientati, a rimanere fermi nella loro fede e speranza e a non dimenticare le loro radici. Dobbiamo sempre ricordare le parole di incoraggiamento del Signore: “Non temere, piccolo gregge …!”

Articolo originale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: