I Poveri del Libano

Newsletter n.4 Aprile 2022

Notiziario di un gruppo di volontari di “Oui pour la vie”, un’associazione di volontariato con sede a Damour in Libano, legalmente riconosciuta impegnata in favore dei più poveri di ogni appartenenza religiosa e provenienza www.ouipourlavielb.com Facebook: Damiano Puccini

di padre Damiano Puccini

Il 15 marzo 2011 iniziava la guerra in Siria. Il nunzio apostolico: «È un triste anniversario, anzitutto perché la guerra non è ancora terminata e inoltre perché da un paio di anni a questa parte la Siria sembra essere sparita dai radar dei media. Quella siriana rimane tuttora la più grave catastrofe umanitaria provocata dall’uomo dopo la fine della Seconda guerra mondiale. In Siria scarseggia il pane e ora, con la guerra in Ucraina, anche la farina, oltre ad altri beni di prima necessità. Per di più, le sanzioni pesano su tutto questo. I due terzi dei cristiani hanno lasciato il Paese”. Il Libano ha accolto 600mila palestinesi e 1,2 milioni di siriani.

A Beirut e dintorni l’inflazione ha raggiunto il 239,69 per cento rispetto all’anno precedente, ma è del 483 per cento per cibi e bevande. Il prezzo del latte è alle stelle, 24 uova prima della crisi costavano 3500 lire libanesi, ora ne costano 120 mila. Secondo il Programma Alimentare Mondiale il 35 per cento dei libanesi è ormai severely deprived, cioè “affamato”. Un dollaro valeva 1500 lire libanesi, mentre oggi sul mercato informale, circa 22 mila.

La nostra associazione “Oui pour la Vie” porta avanti la “cucina” di Damour, a questa si aggiungono, nella nostra nuova sede, l’ambulatorio per i test sanitari, il centro di ascolto per le medicine e la scuola per ragazzi analfabeti di ogni provenienza e appartenenza, per la maggior parte ora profughi siriani. Si chiedono sempre a tutti aiuti e pubblicità.I giardini del nostro paese sono stati trasformati in orti e molto spesso una parte di essi è riservata alle galline. Non mancano mai tuttavia persone che offrono ortaggi e uova alla nostra cucina, per aiutare i più poveri.

La fattura elettrica delle famiglie prende tutto lo stipendio e le città di notte sono al buio, infatti abbiamo solo due ore di corrente elettrica al giorno. Amira, una signora che aveva ricevuto da noi qualche candela per la sera, ne ha regalata qualcuna alla famiglia vicina che ne era rimasta senza.Sleimen, un volontario della nostra cucina, diceva che, donare il tempo aiuta a non perdere mai il sorriso e la speranza davanti ai figli, anche quando il cibo manca.Samar, una responsabile di “Oui pour la Vie”, è la direttrice della scuola superiore di Damour.

Con tanto impegno e cuore ha cercato sempre di portare lo spirito di servizio e di amore per i ragazzi poveri anche nel suo luogo di lavoro, creando un clima di vera fraternità con i colleghi e le famiglie. Nonostante i continui scioperi degli insegnanti in segno di protesta per il loro stipendio, veramente insignificante davanti alla crisi economica, la scuola ha promosso iniziative gratuite di collaborazione tra docenti e famiglie per sistemare il giardino, piantare ortaggi per regalare merende ai ragazzi, animare ugualmente le pause scolastiche con giochi e rappresentazioni teatrali alle quali tutti hanno partecipato con grande soddisfazione e allegria

.Ringraziamo Don Francesco Saverio Bazzoffi e la fondazione “Casa Santi Arcangeli” per il costante sostegno per l’acquisto di pane, medicine e anche per averci offerto un pulmino per accompagnare i ragazzi della nostra scuola e distribuire i pasti della cucina agli ammalati e anziani.

___________________

Per testimonianze in Italia tel 333/5473721 pdamianolibano@gmail.com; Per inviare offerte: Bonifico sul conto: Oui pour la Vie, presso Unicredit Cascina (PI). IBAN: IT94Q0200870951000105404518; (BIC-Swift: UNCRITM1G05 se richiesto). Indicate nella causale del bonifico il vostro email / telefono e avvisateci dell’offerta scrivendo a info@ouipourlavielb.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: