Bolsonaro, davanti all’Onu: “Il Brasile ha un presidente che crede in Dio, rispetta la Costituzione e deve lealtà al suo popolo”

La Gaceta 21 Settembre 2021 

Rivendica la famiglia tradizionale come fondamento della civiltà 

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha difeso la sua gestione davanti all’Assemblea generale delle Nazioni Unite martedì e ha dato battaglia culturale alla sinistra e al globalismo, affermando senza complessi che il suo Paese oggi ha “un presidente che crede in Dio, rispetta la Costituzione e le sue forze armate, valorizza la famiglia e deve lealtà al suo popolo.

Bolsonaro è stato il primo leader politico a parlare davanti al forum delle Nazioni Unite, apertura in cui il presidente ha presentato “un nuovo Brasile” da quando ha assunto la presidenza nel gennaio 2019, con “credibilità già recuperata” dopo essere stato “sull’orlo del baratro”. del socialismo».

Nel suo discorso, ha ribadito che il suo governo “ha la famiglia tradizionale come fondamento della civiltà” e ha ricordato che, per il suo governo, “la libertà dell’essere umano si completa solo con la libertà di culto e di espressione”. E ha difeso la sua gestione economica e che il Brasile ha chiuso l’anno 2020, quello della pandemia, con posti di lavoro più formali rispetto a dicembre 2019. «Le nostre aziende statali hanno avuto perdite di miliardi di dollari in passato, oggi sono redditizie.

“Abbiamo tutto quello che cercano gli investitori: un grande mercato di consumo, ottimi asset e una tradizione di rispetto dei contratti”, ha detto, ricordando che, sotto i governi di sinistra, “la Banca di Sviluppo finanziava opere nei paesi comunisti”. senza garanzie.

Bolsonaro ha affermato di sostenere la vaccinazione per il coronavirus, ma si oppone al passaporto sanitario o a qualsiasi obbligo relativo al vaccino. Nel campo della conservazione ambientale, ha rivendicato la ricchezza naturale del Brasile, osservando che “nessun paese al mondo ha una legislazione ambientale così completa” e che il suo “Codice forestale dovrebbe servire da esempio per altri paesi”.

“Il Brasile è un Paese di dimensioni continentali (…), ci sono 8,5 milioni di chilometri quadrati di cui il 66% di vegetazione autoctona, la stessa dalla sua scoperta nel 1500”.

“Solo nel bioma amazzonico, l’84% dell’imboschimento è intatto e ospita la più grande biodiversità del pianeta”, ha affermato Bolsonaro, che ha ricordato che “la regione amazzonica è equivalente all’area di tutta l’Europa occidentale”.

Così, il presidente ha dichiarato che il Brasile “ha sempre accolto i rifugiati”. “Al nostro confine con il vicino Venezuela, l’operazione Welcome del governo federale ha già accolto 400.000 venezuelani sfollati a causa della crisi politica ed economica generata dalla dittatura bolivariana”.

E ha fatto riferimento all’Afghanistan dopo l’arrivo dei talebani, assicurando che anche il futuro del Paese suscita profonda preoccupazione e che concederanno visti umanitari a cristiani, donne, bambini e giudici afgani.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: