Le grandi leggi psicologiche (di P. A. Eymieu sj)

animalfarm

(da Totus Tuus)

«Se si considera l’uomo in sé stesso, se lo si isola da tutte queste macchine ingegnose e potenti, lo si ritrova altrettanto debole, inquieto, agitato, roso da desideri insoddisfatti: le sue miserie, i suoi tormenti, i suoi timori, le sue aspirazioni, le sue disillusioni ed i suoi avvilimenti, son rimasti gli stessi»

«Il potere di governar sé stessi è una forza vitale creatrice, non un letale strozzamento della libera esplicazione delle vitali energie»

«La nostra civiltà nostra, prevalentemente rivolta a soggiogare la natura esterna, ha perso la cura della personalità: il «governo della materia» ci ha fatto dimenticare il «governo di noi stessi».

Per i direttori di spirito: il testo ha valore e solidità assai maggiore di quelli proposti oggi nei seminari.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: