I poveri del Libano

Newsletter n 9 – Settembre 2019

Notiziario di un gruppo di volontari di “Oui pour la vie”, un’associazione di volontariato con sede a Damour in Libano, legalmente riconosciuta impegnata in favore dei più poveri di ogni appartenenza religiosa e provenienza http://www.ouipourlavielb.com/it/ Facebook: Damiano Puccini pdamianonotiziarivolontari@gmail.com

di padre Damiano Puccini

Il Libano è un piccolo Paese con circa 4 milioni di abitanti. Lo scoppio della guerra in Siria, nel 2011, ha alimentato un crescente afflusso di profughi. Davanti ad alla situazione di disagio dei rifugiati siriani nel Paese (circa 1 milione e mezzo), unita a quella della gente del posto spesso ridotta in povertà, la nostra associazione “Oui pour la Vie” ha pensato di intensificare il proprio impegno, affidandosi totalmente alla Provvidenza, decidendo quindi di raddoppiare il numero dei pasti.

Quindi la cucina di Damour offre ora cibo a circa 60 nuclei di famiglie per 4 giorni a settimana (integrando cioè le semplici focacce che i profughi, quasi sempre costretti a lavoro nero, possono procurarsi con il loro misero stipendio).

Chiediamo per questo a tutti aiuto e pubblicita’.

Per quello che riguarda la nostra struttura polivalente di Damour, che stiamo ricevendo in donazione da parte della Fondazione “Casa Santi Arcangeli” che ringraziamo di cuore ancora insieme a Don Francesco Bazzoffi, prosegue l’impegno per arredarla come a centro medico per urgenze, centro di ascolto per necessità sanitarie, centro di aiuto scolastico e centro di accoglienza.

Allegato al nostro giornale troverete il progetto per l’arredamento di questo centro del quale cominceranno prossimamente i lavori di ristrutturazione.

Oui pour la Vie ha cominciato a fare riunioni educative per le persone che utilizzano le droghe e per i malati di AIDS.

Durante il primo incontro, un ragazzo di 17 anni ha raccontato le sue esperienze con la droga dicendo: “Per sfuggire ai miei problemi familiari ho sentito un vuoto nel mio cuore e al posto di riempirlo con le preghiere e le buone attività, che per me erano un cammino più difficile, ho scelto quello più facile: la droga.

Facile a perdermi, a dormire, a arrabbiarsi, a rubare: tutte le azioni cattive erano divenute facili e mi rendevano contento. In seguito ho perduto la mia famiglia, i miei amici e anche i miei ricordi belli; a quel punto mi sono sentito distrutto, senza speranza per la vita.

Ho il piacere di trasmettere un messaggio ai genitori e agli amici delle persone drogate: conservate un buon rapporto con loro, pregate per loro, siate gentili con loro, cercate di conoscere i loro problemi e la causa che li ha messi su questo percorso. Anche noi siamo figli di Dio e meritiamo l’aiuto, l’amore, il rispetto”.

Il ragazzo ha poi smesso di parlare dicendo: “So che ho distrutto la mia vita e ho bisogno di aiuto. Sono cosciente che nessuno aiuta qualcuno come me perchè hanno sempre paura di me. Io sono venuto verso Dio e sono sicuro che, malgrado tutto il mio passato, lui è pronto ad aiutarmi. Perché conosce la mia debolezza”.

(cliccare per ingrandire)

________________

Per testimonianze in Italia tel 333/5473721 pdamianolibano@gmail.com Per inviare offerte: Bonifico intestato al conto: Oui pour la Vie, presso Unicredit a Cascina (PI). Indirizzo:Rue Mar Elias,35 Damour Lebanon.BIC-Swift: UNCRITM1G05 IBAN: IT94Q0200870951000105404518; dopo invio offerta scrivere il proprio indirizzo e telefono a info@ouipourlavielb.com per potervi confermare il ricevimento dell’offerta e per autorizzarci a inviarvi il nostro notiziario.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: