La sindrome post aborto

post aborto

Abstract: la sindrome post aborto deriva da una pratica superbanalizzata dell’azione di morte chiamata aborto che ha reso di nuovo attuale e fatto uscire dall’ombra altri aspetti, conosciuti per la verità già da tempo. Le conseguenze per la donna colpita da questa sindrome terribile sono lì a testimoniarne la gravità.

Continua a leggere

Per avere la pace occorre difendere la vita umana

Abstract: per avere la pace occorre difendere la vita umana. Giovanni Paolo II ricorda il legame inscindibile tra pace e difesa della vita. La vera pace presuppone un ordine voluto dal Creatore. L’aborto, che uccide vite innocenti, è la prima minaccia ad una pace autentica. Lo stesso concetto espresso da Madre Teresa nel ricevere il premio Nobel per la pace  di fronte ai responsabili delle Comunità politiche. Tra le preoccupazioni del Papa anche una legge sulla fecondazione artificiale  che “tenga conto del principio che tra i desideri degli adulti e i diritti dei bambini ogni decisione va misurata sull’interesse dei secondi”. 

Continua a leggere

La ricerca scientifica sugli embrioni è un affare

embrioni

Abstract: La ricerca scientifica sugli embrioni è un affare Dietro al paravento della ricerca scientifica “per il bene dell’umanità” si nascondono i soliti interessi economici.  La verità è che dietro l’uso degli embrioni si muove un mercato dai profitti inimmaginabili, attuali e promessi. Una vergogna  che spesso l’opinione pubblica ignora

Continua a leggere

La bioetica

I.D.I.S. – Istituto per la Dottrina e l’Informazione Sociale

Voci per un dizionario del pensiero forte

La bioetica, disciplina fino a pochi anni fa nota prevalentemente fra specialisti, è decisamente entrata nel pubblico dibattito, configurandosi come uno degli ambiti che abbracciano il maggior numero di “questioni civili” — come le chiama sant’Aurelio Agostino (354-430) nel De Retorica —, cioè quelle questioni che “[…] ci si vergogna di non sapere”.

Di  Claudia Navarini Azzola

Continua a leggere

Bioetica fecondazione assistita e libertà

fivetAbstract: bioetica fecondazione assistita e libertà. Il dibattito sui limiti o sulle libertà da stabilirsi nei confronti delle pratiche di fecondazione assistita non è certo esaurito, ma la votazione dell’ultima legge ha costituito un momento importante della discussione, per molti aspetti addirittura una svolta, Infatti, anche se i toni sono stati molto accesi – come sempre quando si tratta di vita e di morte – sono andate in pezzi molte tradizionali contrapposizioni:

Continua a leggere

Aldous Huxley e l’eugenetica

Quantità, qualità, moralità

Nel mondo nuovo della mia favola si praticavano normalmente l’eugenetica e il suo contrario, la disgenia. In una serie di bottiglie, ovuli biologicamente superiori, fertilizzati da spermatozoi biologicamente superiori, ricevevano le migliori cure prenatali, e finalmente si decantavano nelle categorie Alfa, Beta, e persino Alfa Più…

Tratto da «Ritorno al Nuovo Mondo» di Aldous Huxley, 1961

 Aldous Huxley e l'eugenetica

Tratto da «Ritorno al Nuovo Mondo» di Aldous Huxley, 1961 Mondadori

Traduzione di Luciano Bianciardi

Continua a leggere

La natura non si salva distruggendo l’uomo

NoTavAbstract: la natura non si salva distruggendo l’uomo. Gli ecosquadristi incarnano tutto ciò che dobbiamo combattere, sino a che siamo  in tempo: la cattiva informazione contrabbandata per sapere scientifico; la confusione totale tra problemi e fenomeni  tra loro diversissimi (visione totalizzante); la caccia alle streghe (le solite «sette sorelle»); l’offesa e la calunnia collettiva e personale

Continua a leggere

Aborto, la legge 194 che la Dc non impedì

Aborto:   la legge 194 che la Dc non impedìAbstract:  Aborto: la legge 194 che la Dc non impedì. Dalle manovre preparatorie degli abortisti al tradimento della Dc che non impedì la promulgazione . Una pagina di storia che non deve essere dimenticata. Purtroppo, a volte occorrono 25 anni, all’uomo, per riconoscere i propri sbagli, il 22 maggio 2003, le agenzie hanno battuto questa dichiarazione dell’ex Presidente del Consiglio Giulio Andreotti: “Oggi preferirei dimettermi, che controfirmare quella legge”.

Continua a leggere

Insorgenze antinapoleoniche in Garfagnana

Insorgenze antinapoleoniche in Garfagnana

Abstract: insorgenze antinapoleoniche in Garfagnana. Nel 1796, quando le truppe della Francia rivoluzionaria invadono l’Italia Settentrionale, la Garfagnana, cioè l’alta valle del Serchio, che faceva quasi tutta parte del Ducato di Modena, Reggio e Mirandola, su cui regna l’ultimo degli Estensi, Ercole III (1727-1803) insorge contro le angherie degli invasori contro la popolazione e la religione

Continua a leggere