Il fallimento della cattura del carbonio sta inacidendo il Green New Deal

Tradizione Famiglia Proprità newsletter

23 Febbraio 2023

John Horvat (*)  

La cattura del carbonio è una componente chiave per raggiungere gli obiettivi utopici degli Accordi di Parigi sul clima. Ovunque, le imprese si stanno dando da fare per ridurre le loro impronte di carbonio comprando i crediti equivalenti per compensare le loro inevitabili emissioni.

La cattura del carbonio comporta processi per cui le industrie possono filtrare l’anidride carbonica dalle loro emissioni, specialmente nella produzione di energia. Questi progetti possono consistere in investimenti multimiliardari in tempo, capitale e macchinari. Tuttavia, non producono profitti.

Nel corso degli anni, gli esperti hanno sviluppato i mezzi per catturare il carbonio dalle ciminiere, dai rifiuti e dall’aria aperta. Gli investitori affamati di verde sostengono con trepidazione questi sforzi per i loro portafogli azionari. Desiderosi di mostrare un impegno nelle politiche del cambiamento climatico, i governi forniscono finanziamenti, sussidi e retorica per una causa così meritevole.

Eppure, lo schema non sta funzionando. La maggior parte dei progetti sembrano essere piuttosto capaci nel processo di cattura. Il problema è cosa fare con il carbonio una volta catturato. Non c’è un uso economico per il prodotto, e quindi i progetti falliscono.

Nel 2016, la NRG Energy Inc. per esempio, ha lanciato con grande fanfara un progetto di cattura del carbonio da 1 miliardo di dollari collegato alla sua centrale a carbone in Texas. Dopo pochi anni, il progetto è stato abbandonato perché nessuno è riuscito a capire cosa fare con il carbonio. Impianti simili, spesso con massicci finanziamenti governativi, hanno anch’essi abbandonato questo green new deal andato a male.

Il Wall Street Journal del 7 febbraio scorso (1) riporta che oltre l’80% dei progetti commerciali di cattura del carbonio proposti in tutto il mondo sono falliti per lo stesso motivo. Anche con le sovvenzioni, si rivelano troppo costosi per funzionare o presentano problemi tecnici che non soddisfano le aspettative.

E poi c’è il problema del carbonio catturato….

Ironicamente, l’unico uso possibile per il carbonio è un processo che produce più carbonio. Le compagnie energetiche hanno scoperto che pompare anidride carbonica in giacimenti di petrolio declinanti aiuta a far uscire più gas e petrolio. Tuttavia, questo nuovo gas e questo nuovo petrolio verranno avviati nel mercato producendo più emissioni di carbonio. L’uso può aiutare i profitti delle compagnie energetiche, ma vanifica lo scopo della cattura del carbonio.

Così, la maggior parte dei progetti di cattura del carbonio, con l’eccezione suddetta dell’uso nei pozzi di petrolio, rappresentano spese che tagliano profitti. Negli affari ciò non ha senso. La maggior parte delle aziende usa questi sforzi come uno stratagemma di pubbliche relazioni per soddisfare investitori eco-ossessionati o per impressionare i liberal che si ritengono sulla cresta dell’onda delle ultime eco-tendenze. Tuttavia, uno dopo l’altro, molti di questi progetti vanno offline.

Essendo i loro obiettivi basati sull’eco-religione piuttosto che sull’economia, il fallimento totale della cattura del carbonio non ha scoraggiato i guerrieri del cambiamento climatico. I leader aziendali sono altrettanto ansiosi di portare avanti la lotta. La questione non sta nell’uso economicamente redditizio del carbonio, ma nella destrezza politica per tirare i fili del governo. Più soldi dal governo sono una soluzione rapida a tutti questi problemi. I contributi rendono redditizi tutti i progetti falliti.

Le cateratte di denaro del governo si stanno aprendo di nuovo. Le industrie possono contare su 12,1 miliardi di dollari di finanziamenti grazie alla recente legge sulle infrastrutture da mille miliardi di dollari che il presidente Biden ha firmato nel 2021. Le compagnie petrolifere, chimiche, energetiche e di biocarburanti si stanno allineando alle nuove proposte per catturare più carbonio inutilizzabile senza colpire i profitti. I dollari per le infrastrutture li aiuteranno a costruire le attrezzature necessarie per catturare il gas, ma faranno poco per smaltirlo.

Per questo motivo, queste industrie stanno proponendo ancora più dollari dal governo, sotto forma di crediti fiscali, che pagherebbero loro per seppellire il carbonio catturato o immagazzinarlo in modo sicuro. I portavoce dicono che seppellire il materiale richiederà sussidi fiscali estesi ad almeno 85 dollari al metro per il carbonio delle ciminiere e fino a 180 dollari per il carbonio all’aria aperta. Essi prevedono anche la costruzione di una vasta rete di condutture per pompare tutto questo carbonio sia verso siti di sepoltura che di pompaggio di petrolio in tutto il paese.

Anche espandendo tutta la capacità di cattura del carbonio, il mondo non raggiungerà il suo obiettivo di emissioni zero entro il 2070. Le industrie dovrebbero aumentare la loro capacità da 50 a 100 volte di più rispetto agli attuali piani di sviluppo.

Gli attivisti e i funzionari liberal non si scoraggiano; aumenta solo l’urgenza di produrre carbonio inutile e accelerare gli sforzi in questo senso, indipendentemente dal costo. Costringere le aziende a produrre beni inutili è uno spreco di risorse e la via rapida al suicidio economico. Far pagare i governi per il fallimento è buttare buoni soldi dei contribuenti in un buco maligno.

(*) John Horvat è uno studioso, ricercatore, educatore, oratore internazionale e autore del libro “Ritorno all’ordine”. Vive a Spring Grove, Pennsylvania, dove è vicepresidente della Società Americana per la Difesa della Tradizione, della Famiglia e della Proprietà.

Note

1) Projects to Capture Carbon Emissions Get New Boost Despite Dismal Record            

Fonte: Carbon-Capture Failure Is the Green New Deal, 14 Febbraio 2022. Traduzione a cura di Tradizione Famiglia Proprietà – Italia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: