I cristiani siriani furono avvertiti prima della guerra: “sarete i prossimi!”

Ora pro Siria 29 Novembre 2021    

La seconda parte dell’articolo di Brad Hoff*, tralasciando per problemi di spazio le prime pur interessanti pagine che danno il contesto della ricerca attraverso gustosi aneddoti personali, rimandandone la lettura al link:  https://libertarianinstitute.org/articles/syrian-christians-were-quietly-warned-before-the-war/        

Ho appreso attraverso le nostre interviste (ai Cristiani Siriani. NDT), molte delle quali sono dettagliate nel mio nuovo libro Syria Crucified con il coautore e amico Zachary Wingerd, che i cristiani siriani in particolare erano così in tensione durante gli anni iniziali dell’occupazione statunitense dell’Iraq proprio perché i rifugiati cristiani iracheni in fuga da oltre il confine verso Damasco stavano attivamente avvertendo i cristiani siriani: “Voi sarete i prossimi!” 

Un certo numero di siriani ci aveva detto che anni prima dell’inizio della guerra nel 2011, avevano capito che non solo la Siria era in cima alla lista per il cambio di regime, ma che i cristiani in particolare sarebbero stati presi di mira in una guerra settaria pianificata, proprio come in Iraq.

Sebbene rimanga una storia per un’altra volta, poiché è ancora oggi troppo delicata per discuterne apertamente, ho ottenuto conferma da alcuni cristiani siriani che nel 2010 fino all’inizio del 2011 (poco prima dell’inizio del conflitto in Siria), gli ufficiali dell’intelligence USA li stavano contattando e cercavano il loro aiuto in modo molto aggressivo, cercando di renderli risorse. Mentre questi particolari individui non sono presenti o menzionati nel mio nuovo libro (sempre a motivo della delicatezza delle informazioni e le situazioni individuali), mi limiterò a notare che in ogni caso sono stato in grado di verificare e confermare, ai funzionari statunitensi è stato detto dai siriani “vaffanculo!” – o qualche sua variazione.

Basti dire che alcuni cristiani siriani erano stati essenzialmente informati dagli agenti dell’intelligence statunitense che qualcosa di grosso stava arrivando per la Siria, ancora una volta, significativamente prima dell’inizio effettivo della guerra. Un caso lampante: un funzionario dell’allora esistente ambasciata degli Stati Uniti a Damasco (chiusa nel febbraio 2012) ha cercato di convincere un benvoluto uomo cristiano siriano locale che aveva trascorso una carriera lavorando per le principali testate americane in Medio Oriente (quindi aveva avuto molti contatti con i media di alto livello in tutto il mondo) per diventare parte dell'”opposizione politica” riconosciuta dagli Stati Uniti in Siria. Tenete presente che questo accadeva prima ancora che una tale “opposizione” fosse creata.

L’attenzione della mia ricerca sulla condizione dei cristiani durante la guerra è iniziata seriamente nel lontano 2014, quando ho scritto quanto segue per il mio blog ormai defunto:

Una potenziale mappa del Medio Oriente , creata dal colonnello in pensione Ralph Peters, prevede una futura divisione secondo regioni sciite, sunnite, curde, senza assolutamente posto per i cristiani, che saranno “ripuliti” attraverso il genocidio o l’immigrazione forzata. Un articolo scritto da Peters si chiamava “Confini di sangue” perché ammetteva che le minoranze avrebbero dovuto essere eliminate affinché la sua mappa avesse un senso! (Sì, come nel noto collaboratore di FOX News Ralph Peters).

Molti hanno visto il “Grande Libano” (che si estende molto a nord oltre i suoi confini effettivi fino a Latakia nella “mappa immaginata” in basso), come quella che sarebbe diventata un’enclave principalmente cristiana dopo che gli stati vicini sarebbero stati svuotati della presenza cristiana indigena

O peggio, durante i primi anni della guerra in Siria sono emerse mappe come quella qui sotto, con gli analisti che suggerivano che i cristiani sarebbero dovuti fuggire in uno “stato fantoccio” alawita

Ho scritto ulteriormente in quell’articolo precedente del 2014 su come alcuni paesi dell’Unione Europea stavano spedendo armi agli insorti jihadisti offrendo allo stesso tempo asilo ai cristiani siriani se avessero lasciato la loro patria devastata dalla guerra: mentre alcuni potrebbero comprensibilmente beneficiare dell’ultima offerta della Francia [di asilo politico per i cristiani Medio orientali], e questo potrebbe essere un bene per quegli individui e famiglie che hanno già sofferto abbastanza, il Patriarcato della Chiesa ortodossa ha una solida comprensione dei progetti attuali e futuri dei responsabili politici occidentali.

Il settarismo etnico-religioso non è stato una realtà modellante per i movimenti nazionalisti arabi del XX secolo, ma è il piano strategico a lungo termine dell’Arabia Saudita. Attraverso l’aiuto del loro più stretto alleato, gli Stati Uniti, insieme ad altri paesi occidentali, viene attuata la logica del settarismo, e sono pochi quelli che capiscono la natura del gioco. 

I leader della Chiesa siriana lo avevano chiamato il complotto del “Cavallo di Troia” dell’Occidente nei confronti dei cristiani del Medio Oriente: incoraggiare l’emigrazione cristiana dalla regione e allo stesso tempo spedire di nascosto le stesse armi che sarebbero state usate per colpire i cristiani che cercavano di rimanere (dato anche che i cristiani locali nel complesso sono rimasti fedeli al governo di Assad, il che si sarebbe rivelato un problema molto “scomodo” per la politica statunitense visti gli sforzi per rovesciare detto governo). Questa teoria ha ricevuto un certo grado di convalida quando ho scritto l’articolo successivo nel 2015 basato su una indiscrezione saudita classificata e trapelata – un articolo successivamente diffuso da WikiLeaks.

Il nostro nuovo libro, “Syria Crucified” (“Siria crocifissa: Storie di martirio moderno in un’antica terra cristiana”), fornisce un’ampia testimonianza ed esempi che confermano i sospetti dei cristiani siriani secondo cui Washington è stata a lungo d’accordo nel “buttare i cristiani ai leoni” mentre cercava di rovesciare Assad (come ha scritto il NY Times in un articolo del 2013). Ad esempio, citiamo il vescovo della Chiesa ortodossa antiochena di Baghdad e Kuwait, Ghattas Hazim, che ha descritto durante il culmine della guerra in Iraq che “i cristiani vengono massacrati in Iraq e l’Occidente non alza un dito per proteggerli“.

A questo sospetto che l’Occidente stesse perseguendo un’agenda non dichiarata di avviare ed esacerbare un conflitto settario che avrebbe spezzato la Siria, portando infine alla liquidazione dell’antica comunità cristiana siriana, forte di circa due milioni di persone (come è successo in larga misura in Iraq), ha fatto eco un medico cristiano siriano di nome Shaza, con cui Zac e io abbiamo parlato a lungo. Per decenni era stata un medico che esercitava in uno studio a Damasco, fino a quando non è fuggita negli Stati Uniti dopo che la sua famiglia è scampata al fuoco dei cecchini e dei mortai mentre Al-Qaeda invadeva il suo quartiere (la storia è raccontata nel capitolo 2), creando posti di blocco a pochi minuti da casa sua e dalla scuola dei bambini. Ci sono molte storie simili che riempiono questo nuovo libro e concluderò questa presentazione tortuosa fornendo un esempio straziante dal libro qui sotto.

Di seguito la storia della dottoressa siriana Shaza, estratta dal libro…

Mentre rifletteva sul catastrofico passaggio da una vita idilliaca a una di sconvolgimenti, Shaza racconta di aver ricevuto un preavviso della tragedia cristiana siriana. Come medico Shaza assisteva gli sfollati a causa della guerra in Iraq: “Ho lavorato con i rifugiati iracheni dal 2003 al 2010 in un centro di beneficenza. È un programma fatto dalla Chiesa, ma stanno accettando tutte le persone, cristiani e musulmani”. Shaza non aveva previsto che in meno di un decennio nel futuro sarebbero stati gli stessi cristiani siriani a trovarsi in gravi difficoltà. Shaza ha raccontato come un certo numero di rifugiati iracheni ha cercato di metterla in guardia:

Parlano di storie orribili. Rapiscono, uccidono, stuprano. Quando si fidano di me dopo un paio d’anni, continuano a dire: “Fatti un piano B. Lo faranno con i cristiani siriani”. Continuo a dire: “No, non accadrà”. Continuano a dire: “No, succederà, quindi pensa a quale sarà il tuo prossimo passo se è successo”. E non ci abbiamo pensato. Non abbiamo mai pensato che sarebbe successo in Siria. La maggior parte dei siriani continua a dire che è protetta perché è una regione forte. Sono stata in Iraq e in Giordania, in Egitto, in passato come turista, ho visto gente povera. Non li vediamo mai in Siria. Non abbiamo senzatetto in Siria. È un paese prospero. Era un buon paese, ma dopo, credo dal 2006 o dal ’07 al 2010, abbiamo cominciato a notare qualcosa. Forse la politica, forse l’economia, non so quale sia il problema, ma è successo qualcosa, sai. Rende le persone più povere quindi più sofferenti. Hanno questi pensieri di rivoluzione. Penso che questo li abbia fatti accettare facilmente.”

I dati raccolti dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) hanno mostrato che nel 2007 il numero di rifugiati iracheni fuggiti in Siria ha superato 1,2 milioni. La maggior parte di questi non erano registrati, il che significa che avevano problemi a essere raggiunti con gli aiuti umanitari internazionali o ad accedere ai servizi del governo siriano. Un rapporto citato dall’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA) durante quel periodo ha sottolineato che gli sfollati iracheni sono stati aiutati “principalmente attraverso organizzazioni della Chiesa locale”. L’onere finanziario sulla Siria, la cui popolazione era meno di venti milioni, di assorbire bruscamente oltre un milione di iracheni impoveriti che necessitavano di alloggi, assistenza sanitaria e istruzione aiuta a spiegare parte del declino economico appena prima della guerra menzionata da Shaza.

Ha poi riflettuto sulle origini della prima rivolta in Siria e su quanto rapidamente si sia militarizzata e internazionalizzata:

Continuo a pensare all’Esercito Siriano Libero. Ho sentito di alcuni giovani che hanno i loro pensieri di libertà. Credono in questi pensieri, ma erano come i pezzi degli scacchi. Qualcuno li sta muovendo per le sue idee… Quando hanno affrontato i musulmani estremi, hanno perso la vita. Quei musulmani estremi aprono le strade agli stranieri che verranno. Non riesco nemmeno a immaginare che il popolo siriano voglia distruggere la nostra storia, le nostre vecchie città, le nostre vecchie cose, perché significa molto per sè come siriano. Ma per gli stranieri, non significa nulla. È facile distruggere tutto.”

_____________________________

(*) Brad Hoff ha prestato servizio come marine in servizio attivo nei primi anni 2000, osservando con allarme le conseguenze dell’azione degli Stati Uniti all’estero. Dopo aver lasciato l’esercito, si è dedicato al giornalismo indipendente, intraprendendo da ultimo un viaggio di cronaca in Siria al culmine della guerra. Il suo lavoro “Un Marine in Syria” è stato citato in più pubblicazioni internazionali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: