"Gesù mi ha guarito" parola di ex lesbica

donnaLa Bussola quotidiana 27 gennaio 2012

di Raffaella Frullone

Non è vero che gli omosessuali “sono nati così”. La società in cui viviamo esorta ad avere relazioni con persone dello stesso sesso soltanto perché “bisogna provare”, questo è sbagliato e danneggia le persone.

Prima di venire tacciati di omofobia dai paladini del politically correct precisiamo subito che a parlare è una persona che per molto tempo è stata omosessuale, una donna, che prima era lesbica ed oggi è sposata con un uomo e mamma di cinque bambini. Dawn Wilde (nome di fantasia), 37 anni, ha raccontato la sua storia in una toccante e schietta testimonianza dal titolo “Confessions of a Recovering Lesbian” ovvero “Confessioni di una lesbica guarita”.

«La maggior parte dei gay e delle lesbiche raccontano di “sapere” che erano omosessuali fin da giovanissimi, per me non è stato così – racconta. – Avevo le sensazioni che hanno tutte le ragazze quando crescono, mi visualizzavo sposata con un uomo e mamma di tanti bambini.

Poi ho incontrato Nora.» Nora e Dawn si conoscono all’università, frequentano numerose lezioni insieme, dormono nella stessa stanza del college, presto diventano amiche, anzi BBF, “Best friends forever”, ovvero “migliori amiche per sempre”. Un’amicizia tra ragazze come tante, fino a quando Dawn si accorge che qualcosa era profondamente diverso.

«Dopo qualche mese un pensiero si affaccia all’improvviso nella mia mente: “sono innamorata di Nora”. Il pensiero mi ha spaventato tantissimo, ho pianto per ore ed ore cercando di immaginare come avrei potuto vivere innamorata di una donna, eppure c’era tutto: l’attrazione emotiva e quella fisica. Da quel momento comincio ad evitare Nora, non volevo vederla o starle vicino, ma è durato poco perché lei voleva assolutamente sapere quale fosse il problema, così ho detto tutto, ho raccontato quello che provato sperando che lei avrebbe reagito con orrrore, invece con stupore Nora mi ha detto che lei provava le stesse cose».

Nel suo scritto Dawn si mette al riparo anche da chi le può chiedere come sia possibile, svegliarsi d’un tratto e ritrovarsi innamorata di una donna. «Non accade all’improvviso. Oggi posso dirlo guardando la nostra storia passata, Nora da piccola era stata ripetutamente molestata da un cugino, io invece ero stata abbandonata dalla mia mamma naturale e crescita con una madre adottiva mentalmente instabile che mi picchiava, umiliava o chiudeva in camera per giorni. Ora si spiega: per me Nora era il legame unico con una donna che non avevo mai avuto, per Nora invece, io ero assolutamente innocua, non avrei potuto farle male. Nessuna di noi due credeva in Dio, il che ci ha messo più facilmente in grado di ignorare le nostre coscienze»

Quella tra Nora e Dawn non è un’avventura, ma una relazione durata stabile di tre anni. Poi ad un certo punto qualcosa cambia. Succede paradossalmente discutendo di una donna lesbica, apparentemente felice e realizzata. Oggi mamma di quattro figli, Cat Cora, è una famosa conduttrice televisiva dichiaratamente omosessuale che negli anni ha fatto proprie le battaglie della comunità Glbt. «Ci siamo rese conto che nessuna delle due aveva davvero smesso di sognare una famiglia “normale”. Nonostante l’attrazione che sentivamo l’una per l’altra c’era qualcosa di più profondo scritto nel nostro cuore che ci faceva sognare l’abito bianco, il matrimonio, i bambini. Forse era per questo che io non volevo rivelare a famigliari e amici la nostra storia».

Questa presa di coscienza non coincide con la fine della storia tra le due ragazze che, nonostante questo, non riescono a separarsi l’una dall’altra. Poi Dawn, a pochi mesi dalla laurea, incontra un uomo, che per la prima volta riesce a trasmetterle il senso di normalità e naturalità che cercava. «Non è stato facile per Nora accettare che io frequentassi un uomo, anzi. E’ stato a quel punto che, forse per senso di rivalsa, ha rivelato a tutti la sua omosessualità e la nostra storia. E’ stato un momento per me molto difficile perché io continuavo a essere attratta, emotivamente e fisicamente, dalle donne».

Due anni dopo, Dawn incontra quello che oggi è suo marito. «Con lui ho provato queste cose e molto di più. L’ho sposato e gli ho promesso amore e fedeltà. Questo non ha completamente cancellato l’attrazione che sentivo per le donne, ma con l’aiuto di Dio sono riuscita a resistere».

«Poi siamo diventati cattolici. Se prima ero obbediente alla Chiesa, e con fatica resistevo, leggendo la Teologia del Corpo di Giovanni Paolo II ho finalmente compreso che il mio corpo è sacro, ho capito perché non mi sentivo soddisfatta con Nora e perché mi sento così profondamente unita a mio marito. Non significa che il passato non lasci tracce, ma sono felice di dire che oggi la battaglia è molto più semplice, ogni giorno lavoro su me stessa per rimanere fedele a Dio e a mio marito.

So cosa significa provare attrazione per una donna, una donna per tradire il marito si deve sentire amata, coccolata, cercata, emotivamente coinvolta. Ecco perché in un certo senso per me è più facile cadere, ma quando succede faccio una cosa semplice, chiedo aiuto a Dio. Mi aiuta ricordare che c’è un miracolo unico che io sono riuscita a compiere con mio marito e mai avrei potuto con una donna: cooperare con Dio per creare una persona unica con un’anima immortale. È una grazia incomparabile. Non è più “fare sesso”, ma unirsi ad una persona in modo profondo ed eterno.».

«Oggi provo una grande pena per le persone che passano nel mio stesso travaglio. Credo fermamente che non dobbiamo indurre le persone a “provare” relazioni omosessuale. Ma non credo che i gay siano gli unici a lottare. Io da lesbica non ero molto diversa da un uomo che lotta per non considerare la donna un oggetto, o una donna etero che lotta contro la tentazione di fornicare.

Siamo tutte persone ferite, ecco perché abbiamo bisogno di Cristo. Nessuno nasce omosessuale, il vuoto che provano le persone gay è una prova di questo, la Chiesa può aiutare ad uscirne. Certamente posso dire che è un grande conforto sapere che lentamente ma sicuramente, Dio sta guarendo dalle ferite della mia anima dal peccato sessuale che l’ha insudiciata. La grazie di un matrimonio casto e felice si può ottenere con tre cose: preghiera, confessione, Eucarestia. Basta solo chiedere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: