Gianni Rodari, maestro e brillante scrittore

Il Corriere del Sud 14 Aprile 2020

di Andrea Bartelloni

“Dovevo essere un pessimo maestro ma preparato nel suo lavoro e avevo in mente di tutto dalla linguistica indoeuropea al marxismo (…); avevo in mente di tutto fuorché la scuola. Forse, però, non sono stato un maestro noioso. Raccontavo ai bambini, un po’ per simpatia un po’ per voglia di giocare, storie senza il minimo riferimento alla realtà né al buon senso, che inventavo servendomi delle “tecniche” promosse e insieme deprecate da Breton”.

Questo è quanto dice di se stesso Gianni Rodari nato cent’anni fa, nel 1920, autore famoso di filastrocche ben note a molti ragazzi che sono cresciuti negli anni 60, 70, 80, ma anche ai giorni nostri i suoi libri sono consigliati e presenti nelle librerie e nelle nostre case.

Scritti spesso caratterizzati da rovesciamenti di prospettiva come quando parlando della cicala e della formica quest’ultima è descritta come un essere avaro, mentre la cicala è quella generosa che regala il suo canto. Ribaltando la morale di Esopo.

Di formazione cattolica, Gianni Rodari, dal 1935 al 1937 milita nell’Azione Cattolica a Gavirate, un un paese del Varesotto dove comincia scrivere i primi racconti. Brillante, intelligente, si diploma a soli 17 anni e diventa un appassionato lettore che si avvicina a Nietzsche, Schopenhauer, Lenin, Stalin, Trotsky e si incuriosisce “sul marxismo come concezione del mondo”.

Nel 1939 si iscrive all’Università Cattolica di Milano, facoltà di lingue, senza laurearsi. Nel 1941 è iscritto al partito fascista e dopo la fine del regime, nel 1944, si scrive a quello comunista e qui inizia la sua carriera di giornalista prima a “Ordine Nuovo” e poi a “l’Unità”. Nel 1950 il partito lo chiama Roma a dirigere il “Pioniere”.

Dal 1952 cominciano i suoi viaggi in Unione sovietica, l’ultimo sarà nel 1979, un anno prima della sua morte. Dal 1956 al 1958 torna all’Unità per poi passare a Paese Sera. Scrittore per l’infanzia, pluripremiato, il suo primo lavoro è del 1959 e dal 1960 pubblica con Einaudi poi Mursia e Interlinea.

Nel 1970 lascia Paese Sera e ricomincia lavorare e pubblicare per Einaudi ed Editori Riuniti. Lo scopo del suo lavoro è sempre stato quello di tendere a immaginare un mondo diverso in tutto: la scuola, la famiglia, la democrazia, tenendo presente che il suo committente è “il movimento operaio e democratico più che il mio editore” diceva nel 1974.

Era molto critico verso la scuola, nel 1968 la definirà “un riformatorio ad ore”. Nel suo Manuale del pioniere, scritto nel 1951, forse proprio per migliorare la scuola come la intendeva lui arriva a “sollecitare le organizzazioni democratiche (Partiti, Udi, associazione Italia-Urss, ecc.) perché organizzino spettacoli cinematografici per ragazzi, procurandosi anche qualcuna delle molto belle pellicole per ragazzi prodotte nell’Unione Sovietica e nelle democrazie popolari” (pag. 80).

In molte sue filastrocche traspare sempre il suo sfondo ideologico. Intellettuale comunista dall’inizio alla fine non ha mai nascosto questa sua militanza, vediamone una:

Bandiere.

Bella la bandiera tricolore

sboccia al sole come sboccia un fiore.

Ma le bandiere sono tutte belle,

fatte per sventolare insieme come sorelle…

L’italiana, l’inglese, la francese,

la russa, la cinese

e quella di Maometto:

mille più mille bandiere a braccetto!!

Credere che sia stata scritta da dei bambini è abbastanza improbabile. Erano anni in cui la bandiera russa e cinese grondavano il sangue di milioni di prigionieri e di dissidenti. I suoi viaggi in Unione sovietica erano i viaggi di un militante del PCI e al ritorno le sue testimonianze non davano resoconti di quella che era la situazione in quel martoriato paese.

Dopo trent’anni dalla caduta del muro di Berlino, dopo che il comunismo ha rivelato, a tutti, anche a chi non voleva vedere, il suo vero volto, celebrare questi personaggi è connivenza con chi volutamente per decenni ha spacciato moneta falsa sapendo cosa stava facendo.

L’epidemia del Covid-19, la conseguente chiusura delle scuole, hanno impedito una commemorazione che sarebbe stata quantomeno inopportuna e piena di falsità.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: