Sono in molti a ritenere che applicare la legge a extra-comunitari o a migranti a vario titolo equivarrebbe a razzismo e crudeltà

ItaliaOggi

Numero 7 del 10 Gennaio 2020

di Max Del Papa

La grande ambiguità, il grande inganno alimentato dalla sinistra, a parole legge e ordine, è che applicare legge e ordine a extra-comunitari o migranti a vario titolo equivarrebbe a razzismo e crudeltà. Coi risultati sotto gli occhi di tutti.

 A l’Aquila un marocchino clandestino, recidivo, ubriaco e drogato travolge in macchina una ventitrenne e la ammazza: il gip neanche lo fa arrestare, lo rimanda subito libero per un cavillo.

A Milano, nella chiesa della Beata Vergine di viale Corsica un egiziano entra, sale sull’altare e spara un bestemmione atomico: lo fermano, gli fanno una multa pletorica da 100 euro, che non pagherà mai, ed è subito libero di girare per altre chiese.

A Roma, il gestore di un baretto della stazione Tiburtina ha filmato, e poi diffuso sui social, la scena delirante di un nordafricano sbronzo che, lattina di birra in mano, si accanisce rabbioso contro la vetrina, terrorizzando gli avventori barricati all’interno; nessuno lo ferma o lo affronta, quando l’africano ha finito la birra e la furia, se ne va tranquillo.

Comportamenti impuniti, che ormai, spalancato il vaso di Pandora di una migrazione incontrollata, è diventato impossibile, non si dica punire, ma anche solo arginare. La consolazione offerta dagli accoglienti ad ogni costo non è granché: nei quartieri parigini, nelle periferie francesi inglesi o tedesche, in buona parte del Belgio e ormai anche nei paesi nordici è lo stesso, quanto a dire una resa incondizionata.

Ma quale stato, quale sovrastato continentale può reggere se non è in grado di difendersi neppure dai balordi, dagli sbandati di strada? Sui mezzi pubblici, sui convogli non è diverso e i controllori, saggiamente, hanno rinunciato o quasi a intervenire, anche perché se qualche illuso, di solito donne coraggiose, pretende di far valere la legge anche per queste mine vaganti, parte subito la contraerea social dei facciamo rete, i restiamo umani che le sputtanano in odore di fascisti e di razzisti: non ha senso, ma così impone l’agenda di un pensiero progressista-cattolico sempre oscillante fra garantismo e legalismo, quest’ultimo con le dovute eccezioni.

Ma come si fa a spiegare decentemente che un pirata stradale, se italiano, deve finire dritto in galera, o almeno ai domiciliari, e se esotico va lasciato libero di scatenare altre micidiali carambole?

Perché, mentre tutti vedono razzismo dappertutto, basta il colore giusto della pelle a funzionare come esimente per qualsiasi reato?

E non puoi proprio stupirti se qualche lettore o amico in divisa ti confida: «Basta, non ne posso più, sono stufo, cambio mestiere, non ha senso rischiare la pelle per un sistema che proprio non vuole intervenire, che i clandestini, più sono pericolosi, e più li tutela; perché, credimi, c’è proprio un sistema, che dalla politica si travasa nella magistratura, nella informazione, nella televisione, che di queste mine vaganti ne vuole sempre di più, a qualsiasi costo; siamo al collasso, alla saturazione, ma tu li senti sempre dire che sono esagerazioni, che non c’è nessuna emergenza. Ah, no? Venissero con noi una sola notte poi se ne accorgerebbero».

Ma non se ne accorgono. Perché non vogliono. Profeti di una filosofia sociale che devasta se stessa, essendo in realtà antisociale, zuppa di perdonismo, di comprensione immonda, di etica molle e maleodorante quale è quella dei mozzi parlamentari (di sinistra) che salgono sulla bagnarola di una annoiata fannullona tedesca di censo, poco curata nell’aspetto e nella morale, dispostissima, col pretesto umanitario, a travolgere una motovedetta di finanzieri italiani.

l’Italia ne ha fatto subito una eroina, una martire, il gran ciambellano Fazio l’ha subito chiamata nel suo salotto di miliardari solidali e non si teneva dentro le lacrime. Con simili presupposti si pretende di richiamare all’ordine e al dialogo regioni in fiamme come la Libia o il Medio Oriente? E chi ci ascolta?

Al pensiero rammollito e dolciastro europeista e in specie italico fa ribrezzo il Trump delle decisioni spericolate, ma vincenti, cui si preferisce la doppiezza, le formule pacifiste alla miss Italia, l’inettitudine virtuosa.

Ma chi insiste, chi afferma che da noi non sussisterebbe una emergenza clandestini, mente sapendo di mentire: un paese che manda orgogliosamente e implausibilmente liberi assassini stradali, stupratori, profanatori, ha già cessato di esistere. Resiste, al più, ma come chi ha già perso, e lo sa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: