Libano ancora nella bufera

Appunti

sabato 9 Novembre 2019  

Il Libano stretto nella morsa della crisi economica e di chi cerca una rivalsa alla sconfitta in Siria

di Massimo Granata

Dopo tredici giorni di proteste popolari il primo ministro libanese Saad Hariri ha rassegnato le dimissioni nelle mani del presidente Michel Aoun, che gli ha chiesto di restare in carica per la gestione degli affari correnti, aprendo così una crisi i cui sviluppi non sono al momento ipotizzabili ma che apre uno scenario preoccupante per le sorti del piccolo paese mediorientale e multiconfessionale, già dilaniato nel passato da una lunghissima guerra civile.

La scintilla che ha fatto scoppiare le proteste è stata l’istituzione di una tassa sulle comunicazioni a mezzo internet che sono molto utilizzate nel paese a causa dell’alto costo delle tariffe della telefonia mobile.

Ma i motivi del malcontento popolare erano ben più ampi a partire dalla crisi economica che attanaglia il paese ormai da anni e non vede sbocchi, dalle infrastrutture carenti e malfunzionanti, e dall’impossibilità del governo a farvi fronte stante l’altissimo debito pubblico e la situazione internazionale non ultima la guerra in Siria che ha riversato in Libano circa un milione di profughi su una popolazione residente di quattro milioni di abitanti.

A tutto questo va aggiunta la corruzione endemica e, nell’immediato, i provvedimenti dell’amministrazione USA che, per strangolare economicamente Hezbollah, ha posto sotto embargo le banche libanesi legate al movimento politico sciita limitando i trasferimenti di dollari verso tutte le banche libanesi.

Il presidente della Banca centrale del Libano, Riad Salameh, ha poi introdotto ulteriori restrizioni al prelievo dai conti in dollari il che in un paese come il Libano dove il dollaro circola esattamente come la lira libanese ha provocato un ulteriore malcontento.

Le proteste che come si accennava avevano una loro intrinseca ragione d’essere, ciò non di meno hanno da subito mostrato l’esistenza di una regia alle loro spalle. Molti sono gli indizi di questa regia occulta.

Anzitutto il fatto che i blocchi stradali e le barricate sono stati disposti strategicamente, per paralizzare il paese, da gruppi di dimostranti che si muovevano in motocicletta e in molti casi sono stati riconosciuti come sostenitori di Shamir Geagea.

Questi blocchi e queste barricate non sono comparsi nelle aree del paese controllate da Amal o da Hezbollah anche se pure in queste aree ci sono state manifestazioni popolari imponenti.

Gli unici ministri ad aver aderito dopo solo quattro giorni di proteste, e prima che il governo offrisse risposte al malcontento popolare, alla richiesta di dimissioni sono stati i quattro rappresentanti delle Forze Libanesi nella compagine governativa.

Nel corso delle manifestazioni sono comparsi a più riprese simboli riconducibili a OTPOR, l’agenzia con cui i servizi USA addestrano i militanti con cui animare “Primavere arabe” o “Rivoluzioni colorate”.

Da ultimo, ma non ultimo come importanza, il modo con cui buona parte dei media libanesi e mediorientali, in testa l’Orient Le Jour, equivalente libanese del nostro “corrierone” e come quest’ultimo legato a “Project Syndicate” fondato da George Soros, ha dato copertura agli avvenimenti.

I media, pur dando spazio agli slogan contro il caro vita e la corruzione, hanno tranquillamente ignorato il fatto che la rabbia popolare si sia indirizzata inizialmente contro il mondo bancario e in particolare contro il presidente della Banca centrale di cui si sono chieste a gran voce le dimissioni quando non l’immediata carcerazione.

Di contro si è voluto indicare come bersaglio principale della protesta contro la corruzione il presidente del partito che rappresenta il 70% dei Maroniti, il CPL, Gebran Bassil. Questi oltre ad essere il genero del Presidente Aoun e quindi obbiettivo trasversale ideale per chi non può permettersi di attaccare un uomo della popolarità del presidente, è anche nel mirino del principe ereditario Saudita avendo contribuito, come ministro degli esteri libanese, alle pressioni internazionali che portarono al rilascio di Saad Hariri arrestato a Ryad nel 2017.

Appare chiaro comunque che in Libano, come contemporaneamente in Iraq, il duopolio Saudita\Israeliano spalleggiato dallo stato profondo statunitense sta cercando la rivincita per la sconfitta dell’operazione siriana. In un paese fragile come il Libano questo può portare al riaccendersi di contrapposizioni laceranti.

Oggi più che mai è necessario, come del resto auspicato dalle componenti maggioritarie dell’attuale compagine governativa, Presidente Aoun in testa, che si arrivi ad una riforma della legge elettorale che esca dal confessionalismo puro fonte di corruzione e di instabilità.

Allo stato la cosa appare impossibile tanto che alcuni commentatori ritengono che l’unica via di uscita sia una presa di potere dell’esercito che nomini una costituente. Perché è evidente che una costituente eletta con le pastoie confessionali difficilmente partorirebbe una costituzione che ne sia priva.

Quale che sia l’esito di questa nuova tragica vicenda invochiamo su questo paese simbolo di convivenza la protezione della Vergine di Harissa e di San Marun.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: