Dalla «Skull and Bones» al Nuovo Ordine Mondiale

skull and bonesTratto da www.nwo.it

Intervista a Maurizio Blondet

di Giuseppe Cosco

Continue reading

Da «crescita» a «disparità»: dietro le parole si

Word_econ_forumArticolo pubblicato su Avvenire del 27 gennaio 2001

A muovere i fili del vertice un gran burattinaio di nome Cfr

di Maurizio Blondet

Continue reading

Nota sul ”Bilderberg Club”

BildelbergArticolo pubblicato sul n. 16 di Cristianità del marzo-aprile 1975

L’abbraccio tra supercapitalismo e comunismo

di Roberto De Mattei

Continue reading

Le persone più ricche, le aziende più potenti del mondo

classifica tratta da Forbes 2002

Continue reading

Alcune delle organizzazioni che controllano il mondo

tratto da Le società segrete e il loro potere nel Ventesimo secolo

di Jan van Helsing

società_segrete

Continue reading

Destinazione, il Paese di Cuccagna

No globalArticolo pubblicato su Libero

di giovedì 17 gennaio 2002

Dalle comuni medievali ai centri Sociali,
una irresistibile ascesa politica all’insegna di odio, invidia e tornaconto

Origine e obiettivi degli Antiglobal, consumisti autentici e rivoluzionari per burla

Continue reading

No Global? No, planetari e contenti

globalArticolo pubblicato su Avvenire
del 24 aprile 2001

Si può rendere “etica” la globalizzazione? Sì, non facendone una questione solo economica. Parla Crocker, discepolo di Amartya Kunar Sen

di Massimo Giuliani

Continue reading

Contrariamente alla leggenda metropolitana, gli stati restano più potenti

Top_2000Articolo pubblicato su Tempi n. 7 del 14 febbraio 2002

Una delle nuove leggende metropolitane che gli scienziati politici vicini al movimento no global stanno cercando di diffondere è quella secondo cui il mondo sta passando sotto il totale controllo delle multinazionali.

di Rodolfo Casadei

Continue reading

Anarchici incontrollabili ”Noi, i divoratori dei ricchi”

Blak_blokArticolo pubblicato su La Nazione
21 Luglio 2001

di Alessandro Antico

GLI ESTREMISTI / Chi sono i “Black Block”

“Eat the rich! Eat the rich!”, gridavano mentre mettevano Genova a ferro e fuoco. Significa “Mangia il ricco!”. Divoralo. Verbi d’assalto, da guerra, da terroristi. Sono i guerriglieri metropolitani del “Black Block”, il blocco nero, l’ala più dura dei contestatori anti-globalizzazione. Continue reading

Chi paga gli antiglobal?

NO-globalArticolo pubblicato su Il Timone

I “no global” combattono la globalizzazione con i soldi dei capitalisti. Ricevono denaro da ricchissimi finanzieri e da fondazioni ultramiliardarìe. Perchè gli uni e gli altri perseguono un fine comune: distruggere gli Stati sovrani.

di Maurizio Blondet

Continue reading