Verso un mondo senza Down?

Dal blog Lo Scoglio 18 Marzo 2019

di Andrea Bartelloni

“La tecnica ha reso mortale una patologia che non lo è”. Così si conclude un recente intervento di Jean Marie La Mene, presidente della Fondazione Lejeune che ha sottolineato, parlando qualche giorno fa alla radio francese RCF, come oramai il 96% dei bambini intercettati come portatori della Trisomia 21 vengano abortiti.

Continue reading

Maschio e femmina li creò

Dal sito Noifamiglia, Diocesi di Cesena Sarsina

III seminario di studio – Lunedì 03 Novembre 2014

C’è una bellezza da salvaguardare. L’eclissi della differenza
Coniugi Laura e Claudio Gentili

Continue reading

Martiri della persecuzione comunista in Romania

dal sito Cultura romena.it 11 Aprile 2017

Relazione in occasione del convegno internazionale Cristiani perseguitati- oggi martiri

Facoltà di Teologia – Università della Svizzera Italiana (2016)

Violeta Popescu

Continue reading

Aristotele non solo gli arabi

da Il Timone n.180 Gennaio 2019

Si racconta che gli Arabi furono i primi a far conoscere all’Europa cristiana le opere di Aristotele. In realtà i testi dello Stagirita erano già conosciuti in Occidente.

di Marco Di Matteo

Continue reading

La famiglia società sovrana e le sue implicazioni politiche: il “voto familiare”

Fides Cattolica. Rivista di apologetica teologica – Anno III n. 2 – Frigento (AV) luglio-dicembre 2008

di Giuseppe Brienza

1.La famiglia società sovrana nella “Lettera alle famiglie”

La tesi secondo cui la famiglia è la cellula della società ha avuto, nell’Occidente cristiano, una plurisecolare realizzazione istituzionale, sia nel costume sia nella legge. Essa è stata ben descritta da papa Giovanni Paolo II (1978-2005) con l’espressione di “famiglia sovrana”, contenuta nella Lettera alle famiglie del 2 febbraio 1994(1). Egli utilizza più volte questo termine, nuovo almeno nella sua formulazione, per rivendicare una reale originarietà, nonché “indipendenza” sociale e politica, della famiglia rispetto alla società ed allo Stato.

Continue reading

Beata Hildegard. Politica al femminile

da Il Timone n.182 marzo 2019

La prima parlamentare austriaca è una beata della Chiesa cattolica. A lei si deve la nascita del welfare state austriaco dopo la sconfitta bellica. Un bell’esempio di donna in politica.

di Rino Cammilleri

Continue reading

Vai alla messa in latino? Sei più fedele alla dottrina

da La Nuova Bussola quotidiana

1 marzo 2019

 Usa. Per la prima volta una ricerca statistica su vasta scala confronta fedeltà alla dottrina, apertura alla vita e rifiuto dei contraccetivi e dell’aborto tra i fedeli che scelgono di frequentare la messa in forma straordinaria e quelli che optano per il novus ordo. I risultati sono sorprendenti. Almeno per la sociologia.

di Giuliano Guzzo

Continue reading

Non c’è giustizia senza uomini giusti

Osservatorio Internazionale Cardinale Van Thuân sulla Dottrian sociale della Chiesa

Newsletter n.975 del 11 Marzo 2019

Pubblichiamo la Prefazione di Stefano Fontana al libro di Roberto Marchesini, “Le virtù. Il cammino del Cavaliere” (Sugarco, Milano 2019).

di Stefano Fontana.

Continue reading

Il nome della rosa, ci risiamo con la leggenda nera

Da La Nuova Bussola quotidiana 11 Marzo 2019

Già dalla prima scena si è capito che la nuova versione-kolossal de Il nome della rosa, finanziata da RaiCinema, cioè dal contribuente era anche peggio della precedente, il film di Jean-Jacques Annaud del 1986, tratto dal «palinsesto» di Umberto Eco. La storia della lotta per le investiture ci dice l’asatto opposto della nuova fiction. 

di Rino Cammilleri

Continue reading

“La trattativa Stato-Islam”: come e perché in Europa è vietato disturbare l’islamizzazione

da Atlantico rivista di analisi politica, economica e geopolitica 9 Marzo 2019

di Adriano Angelini Sut,

Esce in questi giorni in libreria il bel libro della giornalista del quotidiano Il Tempo Francesca Musacchio, “La trattativa Stato-Islam” (Curcio Editore). Un saggio inchiesta coraggioso che dice cose che si pensano un po’ ovunque ma non si ha il coraggio di dire apertamente. Come fu negli anni 70, quando, a detta di Francesco Cossiga, il governo italiano fu costretto a concedere una sorta di lasciapassare ai terroristi palestinesi su suolo italiano (in un accordo chiamato Lodo Moro), in cambio di una specie di salvacondotto sugli attentati, anche in questi anni potrebbe essere successa una dinamica simile. Non scritta, né detta. Ma tacita.

Continue reading