«

»

Ott 04

PMA, GPA, fine della vita … Il vescovo Aupetit chiama “i cattolici a mobilitarsi”

da Le Parisien, 29 settembre 2018

Per la prima volta, uno dei più alti dignitari della Chiesa francese, Mons. Aupetit, Arcivescovo di Parigi, parla dopo il parere del Consiglio Nazionale dell’Etica. PMA, GPA, fine della vita, risponde a tutte le domande. Compresa la pedofilia.

Intervista di Christine Mateus e Vincent Mongaillard

(in italiano con traduttore Google e qualche ritocco a cura della redazione)

È la voce della Chiesa di Francia ora la più ascoltata e la più influente. Mons Michel Aupetit, 67, arcivescovo di Parigi da gennaio, ci ha ricevuto nella sua casa per un’ora per discutere i temi caldi che scuotono i suoi fedeli: PMA, GPA, ricerca sugli embrioni umani, eutanasia, aborto … È per la sua padronanza di questi temi delicati e per difendere con forza e chiarezza la linea conservatrice dei cattolici, che papa Francesco lo ha scelto.

Perché prima di essere ordinato sacerdote 23 anni fa, questo figlio di un ferroviere che non mise mai piede in chiesa, era un medico di medicina generale. Dei suoi anni in un ambulatorio in periferia, questo laureato in bioetica ha mantenuto il senso del contatto. Con un approccio facile, risponde, con la sua voce di crooner, spontaneamente e senza linguaggio ambiguo per dare il suo messaggio, sempre molto conservatore.

Come ha accolto la notizia che il Consiglio consultivo nazionale Etico (CCNE) che martedì si è espresso a favore della proroga i PMS a donne single e coppie di sesso femminile?

L’ho accolto senza sorpresa. È passato molto tempo da quando dissi che il CCNE non era più quella di una volta. Quello del Pr Bernard. All’epoca era stato voluto come un comitato di Saggi che potesse esprimersi autonomamente. Onestamente, ammetto di non sentirlo oggi. Il risultato era ancora abbastanza prevedibile, il che è anche un po’ preoccupante. Ci si chiede perché abbiamo creato gli Stati generali in quanto non hanno alcun impatto sulla decisione finale.

Pensa che la comunità cattolica non sia stata ascoltata durante questi dibattiti?

Il problema non c’è. Non è in gioco la Chiesa cattolica, la Chiesa cattolica è un risveglio della coscienza. La vera domanda è: qual è la dignità dell’uomo? Va ben oltre la concezione cattolica dell’umanità. Crediamo che una società dovrebbe essere costruita sulla fraternità, sulla ricerca del bene comune. Ma non c’è argomento a questo livello. Abbiamo solo impressioni, “sì, potremmo”, “no, non potremmo” ma nessuna vera discussione.

Quali pensa che siano gli argomenti principali che più influenzano la dignità umana?

Ce ne sono almeno due. Innanzitutto, la domanda del PMA. È concepibile che si possa pensare che un bambino non ha bisogno di un padre? Perché è di questo che parla. Ci possono essere, naturalmente, bambini cresciuti senza il loro padre per cause accidentali o perché sono stati abbandonati, ma esiste un decreto legale che un bambino non ne ha bisogno?

E il secondo?

La domanda dell’embrione. La ricerca si sta aprendo sempre di più. Oggi, nella legislazione, non c’è niente. Non esiste uno stato legale dell’embrione umano. Questo vuoto permette esperimenti e lo rende un porcellino d’India. Poiché vengono utilizzati sempre meno animali, utilizzeremo embrioni umani. Quindi, la larva dello scarabeo d’oro sarà più protetta dell’embrione umano? Ciò solleva ancora una domanda che va ben oltre la religione.

Il medico, come è anche lei, dovrebbe essere un appassionato di ricerca. Ma questo fa paura …

Sono totalmente alla ricerca ma c’è una ricerca legittima, altre no. Sai, anche i dottori nazisti pensavano che stessero facendo ricerche. Ecco come hanno impostato la loro difesa! La ricerca non giustifica tutto. Ha uno scopo e se l’obiettivo è buono, i mezzi impiegati non sono sempre buoni. La diagnosi prenatale, per esempio, è una buona cosa, ma quando viene usata per eliminare il bambino perché sta portando un “difetto”, è una questione etica.

Chiedete ai cattolici di mobilitarsi contro l’estensione della PMA?

Invito i cattolici a mobilitarsi con una parola, già.

Non ha pagato …

Una parola, se è giusta, attraversa la Storia alla fine trionfa. È sempre così. Lei farà il suo percorso di coscienza nella coscienza.

Nessuna chiamata per protestare?

La questione di una manifestazione in strada appartiene ai cittadini, non ai vescovi. Non sta a noi organizzarlo e non lo faremo.

E partecipare?

Se partecipo, sarà come un cittadino, non andrò mai come vescovo. Questo non è il mio posto. Ma come cittadino, sono libero. Dobbiamo distinguere tra l’espressione di un vescovo e quella di un cittadino.

Crede in un Manif pour Tous bis?

Non sono sicuro che le persone si mobilitino come hanno fatto al momento del matrimonio per tutti. All’epoca, inoltre, si erano mobilitati principalmente contro la PMA. Sapevano che il matrimonio avrebbe portato a questi problemi di procreazione, e quindi di parentela. E questo è quello che potrebbe accadere. Quindi saranno rimobilitatiati mentre in precedenza non serviva nulla a livello legale? Non lo so. Penso ancora che queste dimostrazioni, con centinaia di migliaia di persone, e non solo cattolici, servirono a risvegliare le coscienze. Hanno dimostrato che non c’era consenso.

E’ rassicurato dal governo che l’estensione della PMA non porterà alla revoca del divieto di surrogazione (GPA)?

Non ci credo neppure per un secondo. Primo, perché quando c’era il matrimonio per tutti, ci era stato già detto che non ci sarebbero stati LDC. In nome di cosa si rifiuterebbe oggi il GPA?

L’animatore Marc-Olivier Fogiel pubblicheròà un libro la settimana prossima in cui parla della sua felicità di essere padre di due ragazze grazie al GPA. Non credi in questa felicità e nel fatto che questi bambini possano essere felici?

Sono ancora giovani, ma da adolescenti … Questo è il momento in cui vogliamo sapere da dove veniamo. Il rischio di squilibrio è importante. Certo, non voglio alcun danno a questa famiglia, ma dico semplicemente: prendiamo la misura di ciò che i bambini in questa situazione dovranno vivere? Come accetteranno di essere stati oggetto di qualche mercificazione? Sapere che sono nati in queste condizioni permetterà loro di essere sereni?

Per quanto riguarda il fine della vita, l’opinione della CCNE è di non voler toccare la legge attuale, ma evoca ancora casi eccezionali che richiedono un lavoro di riflessione che potrebbe cambiare la legge al margine. Pensa che questo sia un passo verso un aiuto attivo alla morte?

Sì, c’è davvero il rischio che si tratti di una “apertura” o di una garanzia per coloro che sostengono a nome della Repubblica a marzo, come ad esempio il signor Touraine (Nota del redattore: deputato Jean -Louis Touraine è l’autore di una piattaforma per il diritto all’eutanasia). Non mi sembra molto serio.

Secondo lei, non toccare la legge attuale sulla fine della vita …

Ha almeno il merito di esistere e di consentire una forma di flessibilità. Fare una legge che dirà cosa possiamo fare o non fare, è estremamente complicata in termini di fine vita. L’importante è che la persona possa vivere quei momenti che sono straordinariamente intensi. Se togliamo quei momenti di intimità tra un genitore che se ne va e quelli che rimangono, c’è qualcosa che è stato rubato. È necessario generalizzare le cure palliative e consentire ai familiari di partecipare, accompagnando la loro tenerezza con un gesto concreto. Ciò che è insopportabile è vedere le persone soffrire senza poter fare nulla.

Il presidente del sindacato dei ginecologi ha recentemente paragonato l’aborto a un omicidio, suscitando feroci polemiche fino al governo. Condivide?

Sostengo la sua espressione. Può un medico parlare ancora liberamente? La risposta è sì. La libertà di coscienza è il diritto più fondamentale di ogni società. Una società che lo annienta è chiamata dittatura. L’obiezione di coscienza fa parte della legge medica ed è intoccabile. Questo diritto deve essere assolutamente preservato, posso dirvi che i medici reagiranno duramente se lo tocchiamo.

I senatori del PS, sotto la guida di Laurence Rossignol, ex ministro della famiglia, hanno presentato venerdì un progetto di legge per rimuovere questa clausola di coscienza …

È terribile. Ciò significa che stiamo entrando in una forma di dittatura che dice: “Non hai il diritto di pensare, la tua coscienza deve essere estinta”.

Hai usato questo diritto quando eri un medico, per quanto riguarda le domande di aborto?

Sì, certo, ho spiegato al paziente: “Io, in coscienza, non posso”. Il dottore è libero, è importante. Questo è chiamato il rapporto medico-paziente. Altrimenti, è un servizio.

Nei dibattiti sulla bioetica, la Chiesa ha sistematicamente avanzato l’interesse del bambino. Ma come può essere credibile quando questi stessi bambini sono a volte preda di preti pedofili?

È imperativo che la chiesa sia coerente. Abbiamo bisogno di una conversione radicale altrimenti, è ovvio, non possiamo avere parole credibili. Dobbiamo ringraziare le vittime che forse non abbiamo sentito, ma anche i media per aver rivelato tutti questi casi. È una buona cosa. C’è un ascesso, il pus deve essere completamente svuotato. Abbiamo già preso delle decisioni, abbiamo fatto i rapporti, siamo circondati da avvocati … Non possiamo risolvere questi problemi da soli, abbiamo bisogno di lavorare con il diritto civile e sentire sempre più vittime, accompagnarle perché si ricostruiscano.

Sostieni l’istituzione di una commissione d’inchiesta parlamentare per far luce su questi crimini commessi dalla Chiesa?

Perché no, ovviamente! Una commissione nazionale di esperti indipendenti è stata creata dalla Conferenza dei vescovi di Francia nel 2016. Ma se ciò non bastasse, dobbiamo fare qualcos’altro.

Non è, per lei, una concessione al secolarismo?

Io non la penso così È davvero una questione di giustizia. Se la società lo considera importante per la chiarezza, se la situazione dimostra che abbiamo bisogno di un intervento esterno nella Chiesa per arrivare alla fine delle cose. La laicità, per me, non è così, è la possibilità per tutti di poter esercitare liberamente la propria religione.

Nella lotta contro la pedofilia, Papa Francesco fa abbastanza?

Cerca di fare il più possibile con i mezzi che ha. Deve essere seguito ovunque, il problema è lì. Anche se è un papa, parla con autorità ma ha nessun potere. La Chiesa non è l’esercito, non tutti sono sull’attenti.

Di fronte agli scandali dei preti pedofili, la Chiesa cattolica tedesca ha appena chiesto una riflessione sul celibato. Dovrebbe essere permesso al clero di sposarsi?

Penso che sia una domanda falsa. Personalmente, penso che la pedofilia non sia affatto legata al celibato. È una struttura mentale, ed è possibile che alcuni profili pedofili si rifugiano nella Chiesa e nel celibato. La stragrande maggioranza dei pedofili sono sposati e padri. Credere che sposando i preti non ci sarà più un problema è una dolce illusione.

La Francia dovrebbe accogliere l’Aquarius, la nave umanitaria che salva i migranti in mare e che l’esecutivo non vuole l’attracco a Marsiglia?

Se ci sono persone perse, ovviamente dobbiamo dargli il benvenuto! Non possiamo lasciare le persone in difficoltà. Sono lì, dobbiamo prendercene cura, questo è il Vangelo. Ma in seguito, dobbiamo ovviamente avere una riflessione politica che non necessariamente ci appartiene. Perché le popolazioni di paesi con un potenziale straordinario sono costrette a fuggire per venire nel nostro paese?

Una larga parte di cattolici vuole chiudere la porta ai migranti, la scandalizza?

Prima di essere scioccato, occorre parlare con loro. Attraverso testimonianze, incontri, possiamo aiutarli a pensare. Non penso che sia una questione di rifiuto dello straniero. È piuttosto la questione di una certa insicurezza culturale che sembra in gioco: il nostro paese si sente sfidato da una cultura che viene da altrove e che non si integra. Se diciamo che l’accoglienza dei migranti è giusta, nella misura della nostra capacità di offrire loro condizioni di vita dignitose, e che è nella Bibbia, troverà la sua strada.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: