«

»

Set 29

Luca Muchaisdze

“cercate ogni giorno il volto dei santi e traete conforto dai loro discorsi”

[Didaché IV, 2; CN ed., Roma 1978, pag. 32].

tutti_santi

di Rino Cammilleri

L’avanzata dei mongoli ai danni dei musulmani fu fermata nel 1260 in Siria dal generale mamelucco Baybars, mandato dal sultano Qutuz. Nello stesso anno, Baybars spodestò il sultano e ne prese il posto col nome di al-Zahir Ruknuddìn Baybars al-Bayraqdari. Scrive Camille Eid nel suo A morte in nome di Allah (Piemme) che fu sotto il suo regno che «ebbe inizio il crollo del regno crociato».

Sempre in quel periodo fu ucciso a Gerusalemme il monaco georgiano Luca Muchaisdze. Sua madre, rimasta vedova, si era fatta monaca nel locale monastero della Santa Croce; anche Luca vi vestì l’abito e nel 1270 divenne igumeno, cioè superiore dell’intera comunità monastica georgiana di Gerusalemme. Ma nel 1273 il governatore della Città Santa, lo sceicco Khidr, chiese e ottenne dal sultano di poter trasformare il monastero di Luca in moschea.

Quando arrivarono le guardie a sloggiare i monaci, l’igumeno andò a protestare col governatore. Questi per tutta risposta gli propose una golosa e remunerata sistemazione in cambio del suo passaggio all’islam. Luca ribattè che, per lui, era peccato anche il solo dare ascolto a simili profferte. Vediamo se indovinate come andò a finire.

Sì, avete indovinato: il monaco cristiano venne decapitato lo stesso giorno.

Il Giornale 27 giugno 2005

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: